1. Il 19° Gran Premio della Malesia sarà l’ultimo, almeno nell’immediato futuro.

2. In diversi tracciati del Mondiale di F1 abbiamo assistito all’interruzione di alcune sessioni a causa dell’ingresso in pista di diversi animali: ma mentre quel bizzarro cane randagio di San Paolo, la marmotta a Montréal o le lepri di Silverstone ci hanno fatto sorridere, gli animali di Sepang sono stati sempre un po’ più terrificanti. Nel 1999, per il primo Gran Premio, è stato avvistato un pitone piuttosto grande sul tracciato, oltre a un zibetto (una specie di gatto selvatico) che si aggirava attorno alle barriere.

3. Solamente un pilota malese ha corso in Formula 1: si tratta di Alex Yoong, che ha iniziato la sua avventura nel Circus preparando il suo sedile proprio nella nostra factory di Faenza: ha guidato nelle ultime tre gare del 2001 e per l’intera stagione 2002 per la Minardi.


(Da sinistra: il Durian; Alex Yoong insieme a Paul Stoddart, Giancarlo Minardi e Mark Webber durante le celebrazioni del GP numero 275 per la Minardi F1 Team)

4. Probabilmente conoscerete già il Durian, il frutto più puzzolente al mondo, tanto da essere vietato nelle camere d’albergo della Malesia; e pare che il paese possa vantare anche il fiore più grande e maleodorante al mondo – il Rafflesia – che può crescere fino a raggiungere un metro di diametro. Il suo cattivo odore gli ha fatto guadagnare l’appellativo di “fiore del cadavere”.

5. “Wei macha, you want makan here or tapau?” (Traduzione: vuoi mangiarlo qui o lo porti via?). Questa frase viene spesso utilizzata per illustrare la diversità linguistica della Malesia, che contiene parole provenienti dal tamil, dall’inglese, dal malese e dal cinese.

6. Molti addetti ai lavori della F1, per questa gara, soggiornano negli alberghi di Putrajaya. Quest’area ospita la più grande rotonda del mondo, dal diametro di 3,5 chilometri.

7. Molti edifici in Malesia hanno rinominato il quarto piano come “3A”. Questo perché la pronuncia cinese di “quattro” si avvicina a quella della parola “morte”.

8. In Malesia non bisogna mai puntare una persona con il dito indice, in quanto è considerato un gesto scortese. Però lo si può fare piegandolo e puntando con la nocca.

9. L’ultima volta che è stato assegnato metà punteggio in un Gran Premio è stato nel 2009, proprio qui a Sepang. Jenson Button vinse una gara flagellata dalla pioggia, interrotta al giro 31 dei 56 previsti.


(Da sinistra: le grotte di Batu e un’istantanea del Gp di Malesia 2009)

10. Sognate un po’ di cultura malese? Se siete in zona, prima di partire per Suzuka, vi consigliamo di visitare le grotte di Batu. Raggiungibili con un breve viaggio in treno dalla capitale Kuala Lumpur, le grotte ospitano uno dei santuari indù più visitati fuori dall’India. Occhio però, l’accesso al santuario vi costerà fatica, perché bisogna affrontare una ripida salita con 272 gradini.

11. Quando si parla di personalità malesi famose anche fuori dalla loro nazione, ecco che in cima alla lista probabilmente troverete il produttore di scarpe Jimmy Choo.

12. La Genting Highlands della Malesia ospita il più grande hotel del mondo (per numero di camere). Si tratta del First World Hotel che può contare su 7351 camere divise tra due torri.