Presentazione GP Bahrain 2020 con Pierre Gasly della Scuderia AphaTauri

 

PIERRE GASLY (#10)


“Non c’è molto da dire sulla Turchia, è stato il nostro peggior weekend dell’anno, motivo per cui voglio buttarmelo alle spalle e concentrarmi sui prossimi due appuntamenti in Bahrain. A Istanbul, con il freddo e la pista scivolosa, non siamo riusciti a far funzionare a dovere la macchina ed è stata solamente la seconda gara dell’anno in cui la squadra non è riuscita a fare punti.

Almeno in Bahrain non dovremmo avere problemi a portare in temperatura le gomme! Dovremmo tornare a correre in condizioni più normali. È un tracciato che solitamente si è sempre adattato alla nostra vettura, soprattutto se ripensiamo a quel quarto posto del 2018, all’epoca il mio miglior piazzamento in F1. La pista mi piace molto. Correremo lì in un periodo diverso rispetto al solito – dato che solitamente andiamo ad aprile – ma da quelle parti il cambiamento di temperatura non è così significativo da un mese all’altro.

Tornare in Medio Oriente mi sembrerà familiare, considerando che ho trascorso lì i due mesi successivi a quello che sarebbe stato il GP d’Australia. Ora resteremo lì per quasi tre settimane, quindi alla fine del 2020 ci avrò trascorso quasi un quarto dell’anno. Punto a chiudere al meglio la stagione già da queste due gare in Bahrain. Quest’anno abbiamo avuto a disposizione una buona macchina e siamo stati competitivi quasi ovunque. Quindi, penso che potremo lottare per altri punti, anche se sarà difficile salire in classifica costruttori. Affronterò le ultime tre gare concentrandomi su una alla volta, poi vedremo cosa potremo fare.

Il tracciato del Bahrain – almeno, nella versione in cui abbiamo già corso – ha dei rettilinei ideali per i sorpassi che vengono agevolati dalla sede stradale abbastanza larga. Ci sono delle curve interessanti ed è piuttosto tecnico. La seconda gara si svolgerà su un layout inedito e ci aspetta qualcosa di completamente diverso dal solito, perché la pista sembra quasi un ovale. Ci sono solo quattro curve, quindi si giocherà tutto sulle scie, quasi fosse una mini versione F1 della 500 Miglia di Indianapolis. Ho provato la pista al simulatore e il tempo sul giro è inferiore al minuto, quindi gestire il traffico non sarà facile. In qualifica dovremo fare gioco di squadra per darci la scia a vicenda. E il gioco di scie condizionerà anche la gara, quindi sarà un’esperienza interessante, una novità per tutti. Credo ci aspetti una gara spettacolare con molti sorpassi: sarà interessante se con il DRS superare sarà quasi troppo facile”.

 

Presentazione GP Bahrain 2020 con Daniil Kvyat della Scuderia AphaTauri

 

DANIIL KVYAT (#26)


“Il weekend in Turchia è stato davvero difficile per tutti con quelle condizioni di pista decisamente insolite, quindi sarà bello tornare a qualcosa di più normale in Bahrain. Almeno per quanto riguarda il meteo, dovrebbero esserci meno sorprese. Ma nonostante tutto, a Istanbul abbiamo imparato delle lezioni utili per il futuro.

Questo sarà il mio settimo anno di gare in Bahrain. È una pista interessante, con tanti tipi di curve differenti che offre buone opportunità di sorpasso. Come al solito, la chiave sarà portare la vettura nella finestra di lavoro corretta durante il venerdì e poi da lì in avanti vedremo come andranno le cose. Sarà bello chiudere la stagione in questa parte del mondo, avremo una gran bella motivazione in queste ultime tre gare.

Non ho avuto l’opportunità di utilizzare il simulatore per valutare il nuovo layout del circuito che utilizzeremo per la seconda gara in Bahrain, quindi dovremo un po’ improvvisare e vedere cosa riusciremo a tirare fuori dalla vettura. La curva d’apprendimento sarà ripida. Una delle differenze evidenti è che la seconda gara si svolgerà completamente in notturna, mentre la prima inizierà al tramonto e quindi questo influirà sulle temperature delle gomme durante la gara. Sarà strano vedere il conto alla rovescia della pit-board che partirà da 87, sono davvero tanti giri! Comunque, la pista non è completamente diversa, perché credo utilizzi le prime tre curve che già conosciamo per poi ricongiungersi di nuovo verso la fine”.

Da quello che ho visto, il nuovo layout ha pochissime curve vere, quindi sarà una sfida ad altissima velocità, qualcosa di diverso che è sempre divertente”.