Circuit: Circuit de Catalunya, Barcelona, 4.655 kms
Pilota: Carlos Sainz
Monoposto: STR10 – 02
Giri: 133
Miglior Tempo: 1:23.134

Totale giri completati (4 giorni): 602
Totale chilometri completati (4 giorni): 2802 km

Carlos Sainz
Totale giri completati (2 giorni): 299
Totale chilometri completati (2 giorni): 1392 km

Max Verstappen
Totale giri completati (2 giorni): 303
Totale chilometri completati (2 giorni): 1410 km

Risultati totali test invernali 2016 (T01+T02): 4882 km/1049 giri
(T01: 2080 km + T02: 2802 km/Carlos: 2397 km – Max: 2485 km)

Franz Tost (Team Principal)

“Quando siamo arrivati qui a Barcellona per il primo test, mi chiedevo se avessimo completato il pacchetto nel miglior modo possibile. Oggi, posso dire che la nuova vettura, progettata e costruita in pochi mesi, è andata meglio di quanto previsto, soprattutto dal punto di vista dell’affidabilità. Ero convinto che le performance della STR11 potessero rispettare le nostre aspettative dopo il successo della STR10. Adesso, in vista della prossima stagione, sono ottimista. Voglio ringraziare tutta la squadra, perché ha fatto un lavoro fantastico. Durante queste due settimane abbiamo completato 1.049 giri, per un totale di 4.882 chilometri: una distanza mai coperta in otto giorni di test dalla Scuderia Toro Rosso; non siamo mai stati ad un livello così alto. Sia Carlos che Max hanno fatto un ottimo lavoro, senza commettere alcun errore: non hanno fatto neanche un solo testa-coda, ma la cosa che più ho apprezzato sono stati i loro feedback tecnici relativi alla vettura e agli pneumatici. Sono sicuro che dopo tutti questi chilometri percorsi, siamo riusciti a rispondere a tutti i punti interrogativi che avevamo prima di arrivare qui, soprattutto per quanto riguarda le gomme. La squadra, i piloti e la vettura sono ora pronti per Melbourne e non vediamo l’ora di affrontare un’entusiasmante stagione!”

James Key (Technical Director)

“Sono state due intense e lunghe settimane di test. Anche oggi è andata bene e Carlos ha svolto un programma simile a quello che Max ha seguito ieri, testando varie mescole di pneumatici al mattino e concentrandosi sui long run al pomeriggio. A metà programma, però, ci siamo dovuti fermare per fare alcuni controlli su alcuni sistemi. Carlos ha completato il lavoro che gli avevamo assegnato e abbiamo inoltre fatto passi avanti sulla comprensione delle gomme e sul set-up della vettura. Credo che entrambi i piloti si siano comportati egregiamente: nonostante abbiano avuto solo quattro giorni ciascuno per conoscere la nuova vettura e preparare la nuova stagione: hanno lavorato tanto e fatto molti giri. Stanno iniziando la loro seconda stagione e la loro differenza di approccio è significativa. Grazie a questo ci siamo potuti concentrare esclusivamente sulla vettura ed entrambi hanno dato un feedback accurato e preciso.“Appena un paio di settimane fa non potevamo avere certezze sull’andamento di questo test, alla luce della nostra scelta ritardata sulla fornitura delle power unit. Il nostro primo incontro tecnico con Ferrari risale ad appena pochi mesi fa, all’inizio di dicembre. Da quel momento, tutta la squadra ha lavorato con dedizione e impegno per arrivare in pista in tempo per le due settimane di test, riducendo al minimo i compromessi nella progettazione della STR11. Cosa ancora più importante, siamo stati subito affidabili: tutti i sistemi, dall’installazione della power unit al resto della vettura, hanno funzionato come avevamo (frettolosamente) previsto, pur essendo per la maggior parte diversi rispetto all’anno scorso. Adesso guardiamo avanti, concentrandoci su Melbourne, per l’inizio della stagione 2016”

 

Carlos Sainz (Car 55)

“Sono davvero entusiasta! Oggi è stata un’altra giornata positiva per noi e la prima cosa che voglio fare è congratularmi con l’intera squadra per aver fatto questi test alla grande. Non vedo l’ora di essere a Melbourne, credo che finora tutto è andato bene e questo ci dà fiducia. Le condizioni di oggi pomeriggio sono state difficili, perché il vento spingeva parecchio, ma siamo riusciti a completare i long-run secondo i piani: un buon modo di terminare queste quattro giornate di test dopo un inverno difficile. Essere qui e aver fatto ogni giorno un sacco di giri è stato semplicemente fantastico. La prossima volta che salirò in macchina sarà in Australia e non vedo l’ora!”.”