Il più giovane in assoluto, al momento, è Daniil Kvyat. Il nostro ex pilota, che ha debuttato in Formula 1 lo scorso anno a bordo della STR9 in Australia, ha conquistato il primato, agguantando i primi punti all’età di 19 anni, 10 mesi e 18 giorni. Chi ha scalzato? Un certo Seb Vettel, che deteneva il record dal GP degli Stati Uniti del 2007 (19 anni, 11 mesi e 14 giorni), poco prima di iniziare poi la sua avventura con noi, qualche mese dopo. Oggi il primo corre per i nostri amici della Infiniti Red Bull Racing, al fianco di un altro talento svezzato a Faenza, Daniel Ricciardo. Il secondo, nel frattempo, ha vinto quattro titoli mondiali!

Jaime Alguersuari ha dovuto attendere 11 gare, prima di potersi inserire in questa classifica. Il traguardo è arrivato al termine del Gran Premio di Malesia del 2010, a bordo della STR6, diventando il terzo pilota più giovane della storia a marcare punti iridati, con i suoi 20 anni e 12 giorni. Il pilota spagnolo riuscì così a scavalcare, oltre che Ricardo Rodriguez e Jenson Button, un altro pilota Toro Rosso, piazzatosi in classifica l’anno precedente: Sébastien Buemi, che aveva conquistato i primi punti mondiali all’età di 20 anni, 4 mesi e 26 giorni.

L’ultimo, in ordine cronologico, ad essere entrato in questa top ten è ora Carlos Sainz. Al suo debutto in Formula 1, domenica scorsa a Melbourne, il nostro nuovo pilota è riuscito ad agguantare la nona posizione in gara, inserendosi al settimo posto di questa speciale classifica, con i suoi 20 anni, 6 mesi e 14 giorni. Contemporaneamente, un problema ha impedito al suo compagno di squadra, Max Verstappen di riscrivere tutti i record di precocità: per il momento resta comunque il più giovane a prendere parte ad una gara di Formula 1, a 17 anni, 5 mesi e 13 giorni. Ma il figlio d’arte olandese ha il tempo dalla sua parte per puntare a prendere il comando di questo gruppo, portando avanti una tradizione di cui andiamo fieri.

Seguite le nostre #10SeasonsTimeFlies anche su Facebook e Twitter!