Seguiranno, fino a dicembre, altri tre eventi da tre gare ciascuno. Nella due giorni che si è appena conclusa, i sim racer dei dieci team ufficiali di F1 Esports hanno affrontato i round di Bahrain, Vietnam e Cina. Noi siamo scesi in pista con una coppia per noi inedita: il pilota finlandese, Joni Törmälä e l’italiano Manuel Biancolilla. È rimasto “in panchina”, per questa volta, il tedesco Patrik Holzmann. Al termine di queste primi tre gare virtuali, il nostro team è adesso in P5 nel Campionato Team.

Round 1: Bahrain (20 Giri)
Joni Törmälä: Pos. 4th – Manuel Biancolilla: Pos. 15th

Dopo un’ottima Qualifica, Joni è autore anche di una grande partenza dalla P4 e conquista subito la testa della corsa, superando Bereznay (Alfa Romeo), Kiefer (Red Bull Racing) e Longuet (Renault), che partiva dalla Pole Position. Più indietro, anche Manuel Biancolilla scatta molto bene: da P19 si porta subito in P16. Joni, dopo aver perso la leadership della gara, anticipa molto il pit stop montando le gomme medie. La scelta paga, quantomeno nell’immediato. Gli riesce infatti l’undercut su alcuni avversari che lo precedevano, ma sul finale deve difendersi dai piloti con gomme più fresche e morbide. Al Giro 14 è ancora in P2, ma poi non può fare nulla contro gli attacchi in zona DRS e deve arrendersi alle due Alfa Romeo dell’olandese Opmeer e dell’ungherese Bereznay e alla Red Bull Racing del tedesco, Marcel Kiefer: sono loro tre ad andare infine a podio. Törmälä conquista comunque un ottimo quarto posto finale: un bellissimo modo per iniziare la stagione 2020. Rimane purtroppo nelle retrovie il nostro pilota italiano, Manuel Biancolilla che chiude in P15.

Round 2: Vietnam (19 Giri)
Joni Törmälä: Pos. 9th – Manuel Biancolilla: Pos. 14th

C’era grande attesa per la gara virtuale sul circuito cittadino di Hanoi, che avrebbe dovuto fare il suo debutto nel calendario 2020 della F1 reale: com’è noto il Gran Premio del Vietnam è stato cancellato a causa della pandemia da Covid-19. Tuttavia F1 Esports ci ha dato comunque la possibilità di assistere a una gara mozzafiato, fra i muretti del tracciato metropolitano che non hanno impedito spettacolo, sorpassi e controsorpassi! Stavolta Joni non parte benissimo e perde subito tre posizioni: da P8 a P11. Il nostro pilota finlandese si ritrova davanti al suo compagno di squadra siciliano, che partiva proprio P11 e si ritrova in P12. I nostri due sim racer rimangono uno davanti all’altro per buona parte della gara, ma scendono in P13 e P14. Dopo il pit stop, iniziano una bella serie di sorpassi che li avvicina alla zona punti. La rimonta riesce a Joni, che chiude in P9, mentre Manuel rimane fuori dalla top ten e finisce la gara al quindicesimo posto. Vince Tonizza su Ferrari, dopo una battaglia serrata contro Longuet (Renault), che chiude in P2 davanti a Opmeer (Alfa Romeo).

Round 3: Cina (20 Giri)
Joni Törmälä: Pos. 7th – Manuel Biancolilla: Pos. 18th

Sullo Shanghai International Circuit va in scena il terzo round della stagione della F1 virtuale. Opmeer (Alfa Romeo) è ancora protagonista e conquista la pole position. Il nostro pilota finlandese, Joni Törmälä riesce a conquistare la Q3 e a scattare dalla P9, mentre Manuel Biancolilla parte penultimo dopo una qualifica difficile. Allo spegnimento dei semafori, entrambi i nostri sim racer scattano bene e guadagnano posizioni: al termine del primo giro, Törmälä è già in P7 e Biancolilla in P14. Joni avanza di due posizioni quando, già al secondo giro, Bonito e Tonizza (Ferrari) accusano un problema di connessione e sono costretti ad abbandonare la corsa. Sfruttando la mescola più morbida rispetto ai suoi rivali, Törmälä raggiunge e supera l’olandese Opmeer, guadagnandosi così la quarta posizione provvisoria. Il finlandese rientra ai box al termine del quinto giro e monta le gomme medie, rientrando nel traffico. Una volta completata la tornata di pit-stop, Joni è di nuovo quinto ma deve cedere il passo a Rasmussen (Red Bull Racing) e Blakeley (Racing Point) che hanno gomme più morbide. Al termine dei 20 giri di gara, Opmeer (Alfa Romeo) taglia per primo il traguardo e vince davanti a Kiefer (Red Bull Racing) e Bereznay (Alfa Romeo). Törmälä chiude in P7, mentre Biancolilla non va oltre la P18, dopo due penalità e uno sfortunato incidente con una Racing Point e una Haas.

Joni Törmälä:

“Per questo primo evento, direi che la mia performance è stata piuttosto solida. In Bahrain mi sono qualificato quarto, molto vicino alla pole, ed è stato soddisfacente. Sono andato in testa nei primi giri e poi sono sceso in seconda posizione. Successivamente, come previsto, chi montava gomme soft ha recuperato terreno e ho chiuso in P4, un buon risultato che assegnata molti punti. Sulla nuova pista di Hanoi, che è molto difficile, sono entrato in Q3 qualificandomi in P9. La mia strategia in gara però non ha funzionato, perché io ho montato le gomme medie, mentre la maggior parte dei miei avversari ha montato le soft: non ho potuto tenere il ritmo e poi ho perso tempo nei pit-stop. Alla fine, però, ho chiuso in nona posizione conquistando altri due punti. Anche in Cina mi sono qualificato nono, anche se non ho fatto un giro perfetto. In gara tutto è andato abbastanza bene, ma sono stato sfortunato a non agganciare il gruppetto di vetture in zona DRS. Sono comunque arrivato settimo, portando al team altri sei punti. Adesso non vedo l’ora che arrivi il secondo evento, perché quelle piste dovrebbero essere più adatte a me e possiamo puntare a risultati migliori”.

Manuel Biancolilla:

Non è certo l’inizio di stagione in cui speravo. Le qualifiche non sono state rappresentative del mio reale passo e lavorerò sodo per migliorare in futuro. Tuttavia, la gara del Bahrain è andata bene, sono passato dal 19° al 12° posto, ma ho chiuso in P15 con una penalità.  Anche in Cina stavo cercando una rimonta dal fondo, ma ho preso un paio di penalità e poi sono stato coinvolto in un incidente con una Racing Point e una Haas, danneggiando la mia ala anteriore e, a quel punto, la mia gara era praticamente finita”.