Carlos Sainz (STR11-02, Car 55)

Prima sessione di prove libere

Miglior Giro: nessun tempo, 22° pos., 3 giri

Seconda sessione di prove libere

Miglior Giro: 1:39.694, 5° pos., 16 giri

Carlos:

“L’inizio di questo weekend non è stato dei più semplici. Questa mattina, durante le FP1, abbiamo girato poco a causa di alcuni problemi. Per fortuna, però, non ci abbiamo rimesso troppo, perché la pista è rimasta comunque bagnata per gran parte della sessione. Il meteo oggi è stato un po’ snervante, ma almeno nelle FP2 è andata meglio dal punto di vista dell’affidabilità. Questo pomeriggio abbiamo girato tanto quanto volevamo, recuperando così un po’ di tempo perso in mattinata. La macchina si è comportata bene sul bagnato e questo mi dà fiducia nel caso ci sia pioggia domani o domenica. Mi sento in forma”.

Max Verstappen (STR11-01, Car 33)

Prima Sessione di prove libere
Miglior Giro: 1:31.720, 5° pos., 14 giri

Seconda Sessione di prove libere
Miglior Giro: nessun tempo

“Oggi è stata una giornata un po’ difficile: non abbiamo completato molti giri, dato che le condizioni meteo cambiavano continuamente… quando eravamo in pista con le slick cominciava a piovere e, viceversa, quando montavamo le intermedie l’asfalto iniziava ad asciugarsi. Tornare nuovamente in macchina è stato comunque bello e speriamo di poter passare più tempo in pista domani”.

Phil Charles (Chief Race Engineer)

“Primo giorno di scuola! Ho aspettato con ansia questo momento, sapendo che sarebbe stata la prima occasione per capire realmente dove siamo in termini di prestazioni, in quanto nei test invernali è davvero difficile poter giudicare. Purtroppo, le famose quattro stagioni in una giornata di Melbourne sono prontamente arrivate e non abbiamo quindi potuto rispondere a tutti i punti interrogativi di ogni sessione.

“Carlos ha avuto dei problemi durante le FP1 e per questo ci scusiamo con lui. La cosa positiva è che siamo riusciti a sistemare tutto prima delle FP2 e dargli modo di fare tre buoni run su gomme intermedie”

“Le FP1 sono andate meglio per Max, con cui abbiamo fatto alcuni run sulle intermedie ed un paio di brevi stint sulle slick tra uno scroscio di pioggia e l’altro. Abbiamo raccolto utili dati aerodinamici: li analizzeremo nel dettaglio questa sera. Eravamo pronti a fare altri giri con lui nelle FP2, ma dal momento che aveva già corso sulle intermedie al mattino, non serviva rimandarlo in pista in condizioni da bagnato. Alla fine non c’erano le condizioni d’asciutto che volevamo per farlo girare. Sono sicuro che stia fremendo per tornare di in pista domani”.