Daniil Kvyat (AT01-03, Car 26)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:06.943, 19° pos., 19 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:05.443, 12° pos., 34 giri

Prove Libere GP Austria 2020 con Daniil Kvyat della Scuderia AlphaTauri

“La prima sessione di oggi è stata complicata per noi. Non eravamo molto soddisfatti della vettura, mentre nel pomeriggio le cose sono andate un po’ meglio, mi sentivo a mio agio e abbiamo fatto un passo avanti. Abbiamo ancora del lavoro da fare stasera, ma sono sicuro che troveremo ciò che serve per migliorare ulteriormente la macchina domani”.

Pierre Gasly (AT01-04, Car 10)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:06.404, 16° pos., 25 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:06.016, 17° pos., 51 giri

Prove Libere GP Austria 2020 con Pierre Gasly della Scuderia AlphaTauri

“Sono molto felice di essere tornato in macchina dopo una lunga pausa. È stata una giornata emozionante e siamo riusciti a fare parecchi giri. Per quanto riguarda le prestazioni, ci aspettavamo questa difficoltà, perché siamo ancora in una fase di scoperta della vettura e stiamo provando a capire cosa ci occorre esattamente per andare più veloci. Sfortunatamente, non sono riuscito a fare un giro pulito sulle Option a causa del traffico, ma Dany è andato bene, quindi avremo molte cose da analizzare e poi proveremo a mettere tutto insieme per le qualifiche di domani”.

Guillaume Dezoteux (Head of Vehicle Performance):

“Oggi abbiamo avuto una prima sessione di libere complicata, durante la quale abbiamo affrontato alcuni problemi operativi e faticato un po’ per trovare un buon bilanciamento della vettura. Non siamo stati aiutati dalle condizioni meteo, che hanno reso umida la pista all’inizio. Dopo un certo numero di regolazioni all’assetto tra le due sessioni, abbiamo significativamente migliorato la macchina nel pomeriggio e i piloti erano più soddisfatti. Però ci manca ancora un po’ di aderenza nel terzo settore, che risulta essere molto impegnativo per le gomme anteriori. Dobbiamo analizzare tutti i dati e capire il nostro livello di competitività. La battaglia a centro gruppo sembra essere nuovamente serrata, quindi dobbiamo ottimizzare ogni aspetto della vettura per poter lottare per delle buone posizioni. Tornare a correre è stato fantastico e devo dire che le varie restrizioni imposte dalle misure di sicurezza non sono state una così forte distrazione, siamo riusciti a operare quasi normalmente”.

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):

“Finalmente, dopo una lunga pausa, siamo lieti di rivedere in pista le auto per il weekend del Gran Premio d’Austria. Ci sono molte restrizioni nel paddock e in circuito riguardo cose da fare e sposamenti. Nel caso della Honda, è un po’ scomodo che i nostri membri dei due diversi team non possano avere alcun contatto. Tuttavia, è un problema minore e non influisce su come portiamo avanti il nostro lavoro per garantire che tutto funzioni correttamente. È strano non avere i fan e ci mancano. Non ci sono stati problemi relativi alla PU con le nostre quattro auto e adesso continueremo a lavorare nell’ottimizzazione dei settaggi della PU in preparazione della qualifica e della gara”.