Carlos Sainz (STR10-04, Car 55)
Terza sessione di prove libere – Miglior giro: 1:36.979, 17° posto, 14 giri
Qualifiche – Miglior giro: (Q1) 1:35.371, (Q2) 1:34.641, (Q3) 1:34.462, 9° posto

“Sono davvero felice! Probabilmente è stato l’ingresso in Q3 più inaspettato dell’anno, pensavo anche sarebbe stato il più duro e il più difficile da raggiungere, specie dopo le indicazioni ricevute dalle PL3… Ma abbiamo invertito la rotta! Tutto ha funzionato bene e sono davvero sodisfatto di questo risultato. Per domani, il nostro passo gara dovrebbe essere lo stesso, o addirittura migliore del nostro ritmo in qualifica, e ciò mi lascia ben sperare. Abbiamo una macchina bilanciata che ben si adatta alle curve veloci ed è gentile con le gomme, ma se dovessimo battagliare in mezzo al gruppo, può diventare un po’ complicato. Dovremo trovare un compromesso, ma non vedo l’ora di affrontare la mia quarta gara in Formula 1.”

Max Verstappen (STR10-03, Car 33)
Terza sessione di prove libere – Miglior giro: 1:36.684, 14° posto, 11 giri
Qualifiche – Miglior giro: (Q1) 1:35.611, (Q2) 1:35.103, 15° posto

“Non è stata la mia migliore qualifica. Ho sofferto un po’ troppo il sottosterzo sulla vettura: non proprio il massimo per fare un giro di qualifica con gomme nuove, ma spero che questo potrà aiutarmi a gestire in maniera ottimale le gomme posteriori durante la gara di domani. Faremo del nostro meglio per iniziare bene la corsa e sfruttare il fatto che abbiamo un altro set di gomme morbide a disposizione.”

James Key (Technical Director)

“Abbiamo avuto una discreta quantità di problemi da risolvere in questo fine settimana. Ieri abbiamo vissuto un mix di sensazioni positive e negative e, quindi, abbiamo dovuto lavorare duramente nella notte. Durante le PL3 non eravano del tutto soddisfatti, nonostante sapessimo quanto potenziale ci fosse ancora da sfruttare. Sapevamo che la Q3 poteva essere alla nostra portata, preferibilmente con entrambi i piloti, quindi abbiamo apportato delle modifiche con cui abbiamo raggiunto un buon bilanciamento della vettura che ha soddisfatto sia Carlos che Max. Entrambi sono stati in grado di avanzare, come speravamo, fino alla Q2, dove però Max non è riuscito sfortunatamente a tirare fuori il suo miglior giro: adesso dobbiamo analizzarlo e vedere cosa possiamo migliorare per venirgli incontro. Carlos ha fatto quello che doveva ed ha raggiunto la Q3: un risultato fantastico, arrivato dopo una lotta serrata. Iniziare in nona posizione è un buon risultato, visti i problemi che abbiamo avuto, ed è stata una bella inversione di tendenza da parte di Carlos. Domani cercheremo di recuperare rispetto alla sfortunata conclusione, senza punti, dell’ultima gara.”