Pierre Gasly (STR13-02, Car 10)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:10.934, 15° pos., 30 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:10.330, 12° pos., 44 giri

“Sono contento di tornare su questo circuito ed è grandioso tornarci per la seconda volta. È stata una giornata di test produttiva e abbiamo fatto dei miglioramenti passando dalle FP1 alle FP2. Tutto sommato, penso che abbiamo fatto alcuni utili cambiamenti all’assetto, ma dobbiamo lavorare per trovare il giusto bilanciamento per domani. Penso che ci stiamo avvicinando alla top 10 e speriamo che con il giusto lavoro possiamo chiudere il gap domani. Penso che abbiamo la possibilità di fare bene, dobbiamo solo mettere tutto insieme: questo è il principale obiettivo stasera”

 

Brendon Hartley (STR13-05, Car 28)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:11.176, 18° pos., 32 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:10.734, 19° pos., 46 giri

“È bello essere tornati a Interlagos! Non direi che siamo competitivi come volevamo essere, ma oggi abbiamo lottato un po’ con il bilanciamento della vettura. C’è ancora del lavoro da fare insieme agli ingegneri per cercare di abbassare un po’ i tempi in vista di domani”

 

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer):
“È stata una giornata abbastanza produttiva, tutto è filato liscio, come programmato. Su entrambe le vetture abbiamo montato il nuovo pacchetto aerodinamico che si è ben comportato ed è una nota positiva per il team. L’obiettivo nelle FP1 era fare alcuni test aerodinamici per cercare di migliorare la conoscenza del pacchetto. All’inizio il tracciato era molto sporco e l’aderenza piuttosto bassa. In termini di bilanciamento, entrambe le vetture hanno sofferto di sottosterzo in FP1 e non siamo riusciti a sistemarlo, senza quindi raggiungere un buon bilanciamento prima della fine della sessione. Basandoci su ciò che abbiamo visto nella prima sessione, nelle FP2 abbiamo individuato la migliore configurazione aerodinamica e pianificato la normale comparazione delle gomme nei run più brevi e in quelli con alto carico di carburante. La bandiera rossa ha compromesso entrambi i primi run dei piloti, ma almeno Hulkenberg sta bene, perché l’incidente sembrava piuttosto duro. Abbiamo migliorato il bilanciamento nelle FP2 e la competitività con poco carburante a bordo sembrava ragionevole. Non sembravamo così competitivi nei run con tanto carburante, quindi dobbiamo capire perché. Lavoreremo su questo stasera, per cercare di trovare il miglior compromesso tra qualifica e gara. Abbiamo anche visto temperature basse, più di quanto ci aspettiamo domenica, quindi dobbiamo dare la giusta attenzione a quello che abbiamo imparato riguardo le gomme e come possiamo sfruttarle meglio in gara quando le temperature si alzeranno”

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):
“Sotto il profilo della power unit, durante le tre ore in pista, tutto è andato bene. Il team ha migliorato il bilanciamento tra le due sessioni, permettendo a Pierre di segnare il dodicesimo tempo in FP2, che è incoraggiante per domani. Tuttavia, il meteo rimane un’incognita per sabato pomeriggio, quindi la chiave sarà avere una strategia elastica per poter puntare a un buon risultato”