Carlos Sainz (STR11-01, Car 55)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:35.672, 12° pos., 27 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:34.086, 10° pos., 33 giri

Carlos Sainz:

“Una giornata impegnativa: ovviamente, una pista come quella di Suzuka è sempre tosta sia per il pilota che per il set-up della macchina, ma mi sono divertito molto oggi. È uno dei fine settimana più emozionanti dell’anno per me: mi godo ogni singolo giro, non importa se è un giro veloce o un long run… è comunque fantastico! Sono felice per come è andata oggi. Siamo stati in grado di completare molti giri senza alcun problema e penso che le prestazioni siano molto simili a quelle della Malesia: andiamo bene al venerdì, ma sappiamo che non sarà facile fare lo stesso per tutto il weekend. Finire nei primi dieci, oggi, è positivo e faremo del nostro meglio per tirare fuori il massimo dalla vettura per tutto il resto del fine settimana”.

Daniil Kvyat (STR11-03, Car 26)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:35.446, 11° pos., 23 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:34.305, 14° pos., 27 giri

Daniil Kvyat:

“È stato un venerdì discreto, abbiamo fatto un buon lavoro. Il mio programma nelle Libere 2 è stato un po’ compromesso, ma sappiamo che nelle prove libere 3 di domani torneremo su livelli normali e vedremo dove saremo rispetto agli altri. Abbiamo raccolto molti dati relativi agli pneumatici – che era quello che volevamo –, adesso abbiamo abbastanza informazioni da analizzare questa sera. Considerando quello che è successo oggi… stasera a cena mangerò senz’altro del sushi di polpo!”.

Phil Charles (Chief Race Engineer):

“Sono abbastanza soddisfatto, in quanto oggi abbiamo completato molti punti del nostro programma, se non tutti. Al mattino, per prima cosa, ci siamo concentrati sull’aerodinamica e questo pomeriggio sulla raccolta di alcuni dati attinenti alle gomme, nei long run. In termini di prestazioni credo che siamo ok: la battaglia a centro gruppo è serrata e sappiamo che il nostro consueto deficit di velocità in rettilineo è un ostacolo. Tuttavia, il primo settore si adatta bene al nostro pacchetto, perché andiamo bene nelle curve veloci. Però abbiamo ancora un po’ di lavoro da fare per il secondo settore. Daniil ha avuto un problema al cambio sulla vettura, nella parte finale delle Libere 1. I meccanici sono riusciti a sostituirlo in tempo per la seconda sessione, ma non siamo stati in grado di ottimizzare il setup. Speriamo domani di poter tirare fuori un po’ più di prestazione sia dall’assetto che dai piloti. Gli altri punti salienti del weekend, per me, sono i fans giapponesi, appassionati e creativi, oltre che il ritorno del polipo di Daniil, di cui avrete sentito parlare nelle comunicazioni radio delle Libere 1. È un episodio che risale in realtà al 2014, quando ci disse di avere un polpo nella parte anteriore della vettura, creandoci un po’ di confusione. Solo al termine della corsa abbiamo capito veramente di cosa stesse parlando: alcuni pezzetti di gomma, lunghi e sottili, si erano raccolti e attaccati all’antennina sulla parte superiore della vettura, di fronte a lui”.