Pierre Gasly (STR13-02, Car 10)
Terza Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:35.659, 5° pos., 6 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:13.749, 17° pos.

“È un peccato uscire così presto dalle qualifiche. Speravamo venisse a piovere, ma purtroppo non è successo. Al momento la situazione è piuttosto complicata per noi, perché le altre squadre stanno migliorando e noi non abbiamo fatto il passo avanti che avremmo voluto, quindi dobbiamo lavorare duramente per raggiungerli. So che la squadra sta lavorando senza sosta, ma stiamo ancora faticando a trovare il nostro ritmo. Oggi sapevo che passare alla Q2 non sarebbe stato semplice, ma alla fine non ci siamo arrivati per soli quattro decimi di secondo. Tuttavia, tenendo conto dei tempi di ieri, il nostro passo gara sembra competitivo, quindi spero che questa sera possiamo trovare una buona strategia per domani. Tutto è possibile – anche se ovviamente avremo bisogno di qualche evento fortunoso per recuperare – ma faremo del nostro meglio per scalare quanto più possibile la classifica”.

 


Brendon Hartley (STR13-05, Car 28)
Terza Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:36.151, 6° pos, 6 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:14.045, 18° pos.

“Sono un po’ deluso dal non essere riuscito a entrare in Q2 oggi. È stata una sessione relativamente tranquilla e il primo giro sembrava buono, quindi ho optato per farne un altro prima della fine della sessione. Ma con il senno di poi, con la pista che continuava a evolversi, forse fare due giri sarebbe stata la scelta migliore. In più, oggi abbiamo perso un po’ di ritmo sulla gomma ultrasoft. Pensando agli aspetti positivi, c’è da dire che il nostro passo nei long run sembra essere competitivo: nelle simulazioni di gara, eravamo i più veloci a centro gruppo”.

 

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer):
“Ieri abbiamo individuato dei punti deboli e, quindi, avevamo pianificato una serie di modifiche alla vettura e deciso come utilizzare le gomme per le FP3 e per le qualifiche. Sfortunatamente, durante la terza sessione di prove libere ha piovuto e questo ci ha impedito di concretizzare le nostre idee di setup. La pioggia era abbastanza intensa e, anche se sapevamo che non sarebbero stati dei run rappresentativi, siamo scesi in pista al fine di verificare il bilanciamento della vettura. Questo perché c’era la possibilità di pioggia nelle qualifiche e volevamo essere sicuri di avere la macchina nella giusta finestra. Abbiamo trovato un buon bilanciamento con entrambe le monoposto e i nostri piloti sembravano abbastanza soddisfatti per andare in qualifica. Purtroppo, non abbiamo avuto il giusto ritmo oggi. Come possiamo vedere dalla classifica dei tempi, a centro gruppo i distacchi sono stati molto contenuti e anche mezzo decimo ha fatto una grande differenza. Pensando alla gara di domani, il nostro ritmo nei long run è stato abbastanza competitivo ieri e solitamente siamo riusciti a gestire le gomme meglio di molti altri durante la corsa, quindi non c’è alcuna ragione per non rimanere positivi. Visto che partiamo da dietro, avremo bisogno di fare dei sorpassi e sappiamo che sarà difficile, ma può succedere di tutto. Esamineremo tutte le opzioni strategiche questa sera per capire cosa abbiamo bisogno per fare del nostro meglio domani”.

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):
“L’ultima ora di prove libere di questa mattina si è disputata sul bagnato e non è stata molto utile, visto che la gara di domani sembra essere destinata a essere asciutta. La pioggia ha reso difficile capire cosa aspettarsi in qualifica, ma questa è una situazione uguale per tutte le squadre. Il risultato odierno è deludente e dobbiamo lavorare sodo per migliorare il prima possibile l’intero pacchetto”.