Pierre Gasly (STR13-02, Car 10)
Terza Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:30.050, 19° pos., 4 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:28.399, (Q2) 1:28.343, 14° pos.

“Non male oggi, specialmente dopo il difficile inizio del fine settimana, con alcuni problemi che non ci hanno permesso di girare molto. Dopo l’incidente di Brendon nelle FP3, abbiamo sostituito l’intera sospensione anteriore e – di conseguenza – anche l’assetto, andando in qualifica un po’ alla cieca. Ma il team è stato fantastico e ha completato il lavoro velocemente per la qualifica, è stato grandioso! Ero a mio agio con la macchina e, quindi, lasciatemi ringraziare tutti i ragazzi in garage per il loro grande impegno e l’ottimo lavoro. Guardando il GPS, andiamo bene nelle curve ma perdiamo terreno sui rettilinei rispetto ai nostri principali avversari, con i quali sarà difficile combattere. Tuttavia, la gara è domani: cercheremo di cogliere tutte le opportunità che si presenteranno”.

 

 
Brendon Hartley (STR13-04, Car 28)
Terza Sessione di Prove Libere – nessun tempo, 20° pos., 3 giri
Qualifiche: nessun tempo

“L’incidente di oggi è un’altra testimonianza del grado di sicurezza di queste moderne vetture di Formula 1. L’essere uscito senza conseguenze da un simile incidente dimostra quanto lavoro sia stato fatto per la sicurezza di questo sport. Io sto bene, ma la macchina proprio no! Sono deluso di aver perso le qualifiche, soprattutto alla luce dei tanti dati raccolti ieri, per preparare questa giornata. Nelle prime curve il feeling con la macchina mi sembrava piuttosto buono. Ero già tre o quattro decimi di secondo più veloce rispetto a ieri, ma un paio di curve dopo era tutto finito: appena ho frenato, improvvisamente la sospensione anteriore ha ceduto. Tuttavia, ho piena fiducia in tutti coloro che lavoreranno per ricostruire la macchina e saremo pronti per la gara: sono ottimista, domani scenderemo in pista per lottare”.

 

James Key (Technical Director):
“È stata una giornata difficile. Prima di tutto, ci scusiamo con Brendon per il problema che si è presentato sulla sua vettura questa mattina. L’importante è che stia bene e questo dimostra quanto siano sicure queste vetture, ma questi episodi restano comunque qualcosa che nessuno di noi vorrebbe mai vedere. Sembra essere stato un cedimento della sospensione, un problema che non avevamo mai avuto prima. Comunque, stiamo facendo degli esami più accurati e, come misura precauzionale, questa mattina abbiamo scelto di non proseguire le FP3 con Pierre, fino a quando non abbiamo capito quale era il problema, per poi agire di conseguenza. Per l’entità dei danni alla sua vettura, Brendon non ha potuto prendere parte alle qualifiche e domani partirà dalla pit-lane. Pierre ha cominciato la qualifica senza fare tanti giri in FP3, quindi non ha avuto l’opportunità di testare degli elementi o perfezionare ancora di più l’assetto della vettura e questo è un chiaro svantaggio. Tuttavia, Pierre era contento del comportamento della sua macchina rispetto alle prove libere di ieri, quindi gli abbiamo fatto fare tre run in Q1, per avere un riferimento migliore e cercare di compensare alla sessione interrotta di questa mattina. Oggi entrare in Q3 non era alla nostra portata. Siamo stati abbastanza competitivi nelle curve ad alta velocità e abbiamo migliorato su quelle a media velocità. Ma le nostre performance sui rettilinei e nelle curve lente sono calate, quindi – come in Austria – sapevamo su cosa concentrarci. Il ritmo nel long run di ieri era in linea con quello dei nostri avversari, quindi faremo tutto il possibile per provare a fare una gara pulita domani, partendo dalla P14 con Pierre e cogliere ogni opportunità che si paleserà. Con Brendon, speriamo di poter fare dei buoni progressi recuperando dal fondo”.

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):
“È davvero un gran sollievo sapere che Brendon stia bene dopo quell’incidente da alta velocità, avvenuto nelle prove di questa mattina. Pierre si è comportato bene in qualifica, pur avendo fatto solo un breve run nelle prove libere. Il team ha fatto un ottimo lavoro per cambiare le sospensioni della sua vettura e terminare giusto in tempo per l’inizio della Q1. Ovviamente, nel complesso è stata una giornata difficile per la squadra, ma adesso ci concentreremo sulla gara di domani”.