Carlos Sainz (STR12-02, Car 55)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:23.680, 11° pos., 22 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:23.150, 11° pos., 21 giri

Carlos Sainz:

“Non è esattamente il compleanno che avrei desiderato! Ieri sapevo già che avrei dovuto scontare una penalità in griglia per aver sostituito una parte della power unit, dunque questa non è stata una sorpresa, ma il problema di oggi alla PU non ci voleva! Non ci ha consentito di completare il nostro programma e sappiamo che vivremo un weekend particolarmente difficile qui a Monza. Certamente, non ci demoralizziamo e continueremo a spingere: devo dire che in macchina mi sento a mio agio, è molto leggera per via del carico aerodinamico basso, nel tentativo di compensare il nostro deficit di potenza… È dura lì fuori, ma almeno mi sto divertendo: speriamo di poter tirare fuori il massimo dalla vettura sia domani che domenica”.

Daniil Kvyat (STR12-04, Car 26)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:24.012, 14° pos., 27 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro 1:24.253, pos. 18th, 28 giri

Daniil Kvyat:

“Non è stato un buon venerdì. Oggi non mi sentivo a mio agio con la vettura e niente ha davvero funzionato come avrebbe dovuto. Dobbiamo rivedere tutto stanotte, capire cosa succede e sperare così di trovare una soluzione migliore per domani”.

Jody Egginton (Head of Vehicle Performance)

“Tenendo conto del rischio di pioggia fin dall’inizio delle FP1, abbiamo preferito dare priorità alle prove relative ad aspetti meccanici e aerodinamici, per poi dedicarci al normale programma. Nei primi 40 minuti, senza interruzioni, siamo riusciti a farlo. Carlos ha percorso il giro d’installazione con l’Halo montato sulla vettura, fornendo dati utili e un ulteriore punto di riferimento per il pilota. Com’è consuetudine a Monza, i bassi livello di carico aerodinamico rappresentano una sfida per piloti e ingegneri, in termini di ottimizzazione del setup. A tale proposito, ci sono stati dei tipici problemi di bilanciamento, che abbiamo affrontato montando poi il secondo set di gomme per avere una visione migliore delle modifiche necessarie in vista della sessione successiva. Abbiamo cambiato un po’ il set-up per le FP2, in modo da valutare qualche altro elemento. Carlos è riuscito a trovare un bilanciamento ragionevole e registrare tempi indicativi su entrambe le mescole, anche se purtroppo la sua giornata si è conclusa in anticipo per quello che è sembrato un guasto alla power unit. Daniil era meno soddisfatto dell’equilibrio della vettura fin dall’inizio della sessione, quindi prima di passare ai long run, abbiamo valutato un cambio di assetto. Tuttavia, ci siamo dovuti fermare un po’ prima, a causa di un potenziale problema di affidabilità. È frustrante, oggi non siamo riusciti a raccogliere molti dati sugli pneumatici nei long run e, nel caso di Daniil, abbiamo anche ulteriore lavoro da fare nell’ottimizzazione dell’assetto. Tuttavia, con Carlos – al contrario – siamo riusciti a fare dei passi avanti, quindi stasera la nostra sfida sarà mettere tutto insieme prima delle FP3, così da comprendere quello che ci è mancato nei run di oggi con entrambe le vetture.”