Pierre Gasly (STR13-02, Car 10)
Terza Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:22.631, pos. 12°, 20 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:21.834, (Q2) 1:21.667, (Q3) 1:21.350, Pos. 9°

“Oggi è stato incredibile, prima delle Qualifiche pensavamo che non saremmo entrati neanche in Q2 e invece abbiamo raggiunto addirittura la Q3! Partire in P9 mi fa sentire alla grande: tutto è andato benissimo durante la qualifica. Sono riuscito a prendermi del margine, rimanendo in scia e mettendo insieme uno dei miei giri migliori in questa stagione. Penso che in Qualifica meglio di così non si potesse fare ed è fantastico esserci riusciti nel weekend della gara di casa per la Toro Rosso. Non mi sentivo completamente a mio agio, ieri in macchina, ma siamo riusciti a fare i giusti miglioramenti alla monoposto e oggi la guidavo molto meglio. Comunque, la seconda metà del lavoro dobbiamo farla domani. Dalla griglia alla prima curva la strada è lunga, quindi sarà cruciale fare una buona partenza. Poi si tratta di essere sempre al posto giusto al momento giusto, perché sarà una lotta serrata. Quando parti un po’ più avanti in griglia, corri qualche rischio in meno. Quindi cercherò di tenermi lontano dai guai e di spingere il più possibile”


Brendon Hartley
(STR13-05, Car 28)
Terza Sessione di Prove Libere
– Miglior Giro: 1:23.164, pos. 20°, 19 giri
Qualifiche
– Miglior Giro: (Q1) 1:21.934, Pos. 18°

“Oggi in Qualifica la lotta era davvero molto serrata: eravanmo tutti molto vicini. Il mio giro non è stato poi così male, ma ho fatto un piccolo errore alla Curva 1. Per il resto è stato pulito. Se avesse piovuto, avremmo potuto approfittarne, dato che ieri eravamo abbastanza competitivi sul bagnato. La macchina andava bene: il team ha fatto un ottimo lavoro per migliorarla e per mettere sia me che Pierre a nostro agio. A centro gruppo le prestazioni erano incredibilmente vicine, cosa davvero bella per la F1, ma purtroppo frustrante per me. Fra me e Pierre c’era circa un decimo di secondo: è valso ben sei posizioni fra di noi. Certo, è deludente per me essere 18esimo perchè vorrà dire fare ancora di più domani, ma grazie a un paio di penalità ad altrettanti piloti davanti a me, dovrei partire un po’ più avanti.”

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer):

Emozioni contrastanti nel nostro garage questo pomeriggio. Il nono posto di Pierre in Qualifica è stato fantastico, in una pista difficile per la nostra monoposto. Sfortunatamente, Brendon ha mancato l’ingresso in Q2 per solo mezzo decimo. La Q1 è stata estremamente difficile: tutti sanno quanto sia importante qui la scia, quindi facevano a gara per accodarsi e nessuno voleva stare davanti a tirare. Pierre ha messo insieme un buon giro ed è passato in Q2 per soli due millesimi di secondo. In Q3 ha poi tiratio fuori dalla macchina tutto il suo potenziale. Le modifiche che abbiamo fatto da ieri a oggi hanno funzionato bene, la nostra velocità in rettilineo è competitiva e i piloti sono molto più contenti del bilanciamento della macchina. Venerdì, in prova, il nostro passo gara era ragionevole, quindi siamo ottimisti in vista del GP. E’ stato bellissimo sentire il tifo degli spettatori dal nostro pitwall, dopo il nostro risultato in Qualifica. Dopo la pioggia che hanno preso ieri, lo meritavano per lo spirito e per l’atmosfera che hanno creato!

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):

“Spa e Monza sono entrambi circuiti dove la power unit è molto importante ed eravamo felici di essere undicesimi in Belgio, solo una settimana fa. Ma essere noni qui a Monza è fantastico. Ottimo lavoro da parte di Pierre e del team, che lo ha mandato in pista al momento giusto, così da sfruttare al meglio la scia di un’altra macchina. Dal punto di vista della PU è andato tutto bene finora e dopo questa qualifica tutto è possibile. Ma il giorno che conta è domani e noi faremo tutto il possibile per fare in modo che la Scuderia Toro Rosso faccia un buon risultato nella sua gara di casa.”