Carlos Sainz (STR11-01, Car 55)
First Practice Session
Best lap: 1:24.579, pos. 14th, 27 laps
Second Practice Session
Best lap: 1:22.689, pos. 13th, 24 laps

Carlo Sainz:

“Sfortunatamente non è stato uno dei venerdì migliori, per noi. Abbiamo avuto una giornata piuttosto difficile e faticato un po’ con il bilanciamento nelle Libere 1. Abbiamo provato a sistemarlo ed è andata un po’ meglio nella seconda sessione, ma non sono ancora completamente soddisfatto. Inoltre, essendo stata riasfaltata, questa pista sembra un circuito totalmente nuovo e questo ci complica le cose. Adesso dobbiamo lavorare intensamente, analizzando i dati per capire dove abbiamo sbagliato oggi, così da essere più forti domani. A centro gruppo i distacchi sono molto ridotti, tanto che un piccolo miglioramento può rimetterti in gioco, ed è quello che puntiamo a fare”.

Daniil Kvyat (STR11-02, Car 26)
First Practice Session
Best lap: 1:25.324, pos. 19th, 16 laps
Second Practice Session
Best lap: 1:22.948, pos. 16th, 43 laps

Daniil Kvyat:

“Oggi è stata una giornata di alti e bassi, ma in generale direi che abbiamo ottenuto sufficienti informazioni su cui lavorare, per prepararci in vista di domani. Abbiamo alcune cose su cui migliorare, ma stasera le analizzeremo attentamente e vedremo dove possiamo progredire. La superficie della pista è nuova e questo ha cambiato le cose rispetto all’anno scorso: questo è un dato che dovremo tenere in considerazione stasera per capire meglio questo circuito”.

Phil Charles (Chief Race Engineer):

“È stata una giornata impegnativa per noi, oggi. I piloti non erano molto soddisfatti, soprattutto nei run più corti. Il primo settore è quello dove eravamo relativamente più deboli, ma i problemi ricorrenti di oggi sono stati: il delicato bilanciamento nelle ultime tre curve; i bloccaggi all’anteriore; la velocità in rettilineo. Ci sono delle aree precise su cui lavorare stasera e faremo del nostro meglio per migliorare, in vista di domani. Sfortunatamente, neanche i long run sono in linea con ciò che siamo in grado di fare, con Daniil che ha un po’ sofferto col graining. Ci sono però dei lati positivi: Daniil è stato un po’ più veloce nei long run su gomma Soft, quindi c’è un piccolo margine da sfruttare per portare la vettura dove vorremmo, una volta migliorato il bilanciamento e sfruttati al meglio gli pneumatici. È un peccato che Carlos abbia avuto un problema al sistema di recupero energia a metà dei suoi long run: lo ha costretto a fermare la macchina alla curva 1. Lavoreremo per avere una giornata positiva domani”.