Max Verstappen (STR10-02, Car 33)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior giro: 1:49.466, 7° pos., 17 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior giro: 1:47.427, 10° pos., 32 giri

“Questa è la prima volta che guido qui a Singapore e nelle PL1 di stamattina ho pensato soprattutto ad imparare la pista e sono soddisfatto dei progressi fatti. Non ho mai toccato i muretti e sono riuscito a stare lontano dai guai, passando un bel po’ di tempo in pista, che è sempre utile. Questa mattina abbiamo provato tutti i nuovi aggiornamenti sulla vettura e devo dire che è stata una buona prima sessione. Anche le PL2 sono iniziate col piede giusto e la prestazione è stata soddisfacente, soprattutto con le gomme Soft. Abbiamo ancora bisogno di lavorare sul bilanciamento della vettura per quanto riguarda le SuperSoft e certamente lo faremo già stanotte. Penso che dal punto di vista fisico questo è il tracciato più duro che abbia affrontato finora, ma gli allenamenti intensi fatti prima di arrivare qui mi stanno aiutando molto”.

Carlos Sainz (STR10-04, Car 55)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior giro: 1:50.019, 9° pos, 28 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior giro: 1:48.012, 15° pos, 23 giri

“Le prime prove libere sono andate bene: siamo riusciti a completare il nostro programma di lavoro e io ho potuto imparare bene la pista, che era il mio obiettivo principale per oggi. Nelle Libere 2 non è andato tutto liscio, purtroppo, perché ho dato un bacetto al muro in curva 5 e causato così una foratura che ha finito per danneggiare un po’ il fondo. È stato quindi necessario sostituirlo, perdendo un po’ di tempo, e così la nostra sessione si è complicata un po’. Ma è meglio che sia successo oggi, piuttosto che domani o domenica! Fa molto caldo lì fuori e si suda davvero tanto, ma ci siamo allenati molto bene per questa gara e sono felice di vedere che tutto quel duro lavoro stia dando i suoi frutti”.

Phil Charles (Chief Race Engineer)

“Singapore è una pista molto difficile e non bisogna dimenticare che durante il giro si affrontano ben 23 curve e quindi si deve guidare in maniera molto precisa e pulita. Si tratta certamente di un circuito che richiede sicuramente un po’ di studio e di abitudine per poterlo affrontare nel modo giusto. Particolarmente difficile, specialmente per i piloti debuttanti… e noi ne abbiamo due! Entrambi però hanno fatto un ottimo lavoro nelle Libere 1, prendendo confidenza con il tracciato. Nella seconda sessione invece non è andato tutto completamente liscio per vari motivi: Carlos ha avuto qualche danno sulla vettura e questo non gli ha consentito di girare molto e quindi di essere nelle giuste condizioni per fare un buon giro sulle option. Anche gli short run di Max non erano perfetti: su questo pensiamo di poterci lavorare ancora un po’, sfruttando meglio gli pneumatici. Per quanto riguarda i long run, credo che dobbiamo analizzarli con attenzione stanotte. Comprendere la temperatura delle gomme, in particolare quella delle Prime, qui sarà fondamentale. Probabilmente è corretto dire che oggi, per quanto riguarda gli pneumatici, non abbiamo raggiunto l’obiettivo come avremmo voluto”.