Brendon Hartley (STR13-03, Car 28)

Gara: 15° pos.
“Non è stata una grande gara per me oggi. Al via, alla curva 1, ho bloccato i freni e spiattellato le gomme, quindi non ho avuto altra scelta se non quella di fermarmi ai box, perché probabilmente è stato il flat-spot più grande che abbia mai fatto. Poi, al secondo stint, ho avuto una foratura, quindi da quel momento in avanti non c’è stato più nulla da fare. Penso di aver avuto anche un danno nella parte posteriore, quindi mi sono ritrovato a correre da solo per tutto il tempo. Sapevamo sarebbe stato difficile oggi entrare in zona punti”.

 


Pierre Gasly (STR13-04, Car 10)

Gara: ritirato
“Non è stato un grande avvio di stagione per me. Dopo la curva 12 il motore si è spento per poi riaccendersi di nuovo, ma ero molto lento e non potevo inserire marce alte. Ho provato a tornare ai box, ma mi è stato detto di fermarmi. È un vero peccato, soprattutto dopo che nei test nulla era andato storto. Penso che tutti nel team siano delusi per questo problema alla prima gara, ma dobbiamo guardare alle cose positive e imparare dagli aspetti negativi per tornare più forti in Bahrain”.

 


Franz Tost (Team Principal)

“Alla luce dei buoni test di Barcellona, ovviamente ci aspettavamo un risultato decisamente migliore a Melbourne, ma per vari motivi non siamo riusciti a ottenerlo. Sicuramente non ci è stata d’aiuto la pioggia delle FP3, perché avremmo avuto bisogno della pista asciutta per valutare le gomme e capire se i nostri cambiamenti all’assetto ci stavano portando nella giusta direzione. Per quanto riguarda le qualifiche, Brendon ha fatto un lavoro ragionevole, ma Pierre ha avuto un problema alla curva 3, quindi oggi siamo dovuti partire dal fondo dello schieramento. Pierre ha fatto una buona partenza e guadagnato alcune posizioni ma, sfortunatamente, abbiamo avuto un problema con la power unit che lo ha costretto al ritiro. Quanto a Brendon, ha bloccato le gomme anteriori alla prima curva: le ha spiattellate e abbiamo dovuto richiamarlo ai box per la sostituzione e da quel momento in avanti è rimasto in fondo alla classifica. Adesso possiamo metterci alle spalle un weekend deludente: abbiamo tanto lavoro da fare per raggiungere, auspicabilmente, un risultato migliore in Bahrain”.

 

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):
“È deludente che Pierre Gasly si sia dovuto ritirare al 15° giro con un problema alla MGU-H. Adesso dobbiamo indagare sulle cause esatte e poi avremo alcuni giorni di duro lavoro per assicurarci che la cosa non si ripeta alla prossima gara. Per quanto riguarda Brendon, dopo il suo pit-stop anticipato a causa di una gomma spiattellata, ha corso in maniera costante, ma su questa pista non è facile sorpassare e non è stato in grado di scalare la classifica. È stato un inizio di stagione difficile, tuttavia dobbiamo guardare avanti e rimanere positivi mentre iniziamo a prepararci per il secondo round del campionato”.