Carlos Sainz (STR11-02, Car 55)
Gara: 9° pos.

“Non sono del tutto soddisfatto per il risultato di oggi, perché considerando la macchina che abbiamo, avremmo potuto segnare più punti. Ho fatto di tutto per finire più avanti possibile in classifica, ma tagliare il traguardo in nona posizione è frustrante. La gara è stata un po’ caotica e difficile da gestire. Dopo la bandiera rossa le cose si sono fatte interessanti e, anche se non è stato facile sorpassare, sono riuscito a fare delle belle azioni, alcune davvero impegnative! Ho fatto la mia gara e penso che abbiamo dato spettacolo. Io mi sono divertito, ma credo che meritavamo una posizione migliore, anziché fare un passo indietro rispetto al settimo posto di ieri, in qualifica”.”

Max Verstappen (STR11-01, Car 33)
Gara: 10° pos.

“È stato un pomeriggio piuttosto frustrante. Dopo un’ottima partenza, siamo riusciti a tenere dietro le Mercedes e anche il primo pit-stop è andato bene. Avevamo un gran ritmo e nessuna pressione alle nostre spalle, ma dopo la bandiera rossa, abbiamo avuto un problema di comunicazione che ha complicato il secondo pit-stop. Abbiamo una vettura fantastica e la decima posizione non è dove dovremmo ritrovarci. Sono molto deluso, perché questa rappresentava una grande opportunità per fare un ottimo risultato. Adesso, però, dobbiamo solo concentrarci sulla prossima gara e cercare di segnare più punti rispetto ad oggi”.

 

 

Franz Tost (Team Principal)

“Entrambi i piloti hanno fatto una buona partenza: Max ha chiuso il primo giro in quarta posizione, mentre Carlos in settima. Nel primo stint di gara avevamo un passo veloce. La sosta di Carlos è andata bene e ci ha consentito di fare l’undercut su Massa. Alla ripartenza, dopo la bandiera rossa, Max era 5° e Carlos 6°, ma nei giri successivi il nostro ritmo è calato. Carlos ha avuto diversi bloccaggi all’anteriore e dunque lo abbiamo richiamato ai box per un pit-stop anticipato, cambiando la strategia e rimandandolo in pista con gomme medie. Dopo tre giri, anche Max è rientrato ai box, ma la squadra non era pronta per quella sosta, dato che non lo avevamo chiamato. Così ha perso sette secondi, cosa che lo ha fatto scivolare in 12° posizione. Per noi, questo è un risultato molto deludente, perché avevamo le carte in regola per tagliare il traguardo in una posizione migliore. L’unico aspetto positivo è l’aver preso consapevolezza che la STR11 è molto competitiva”.