Carlos Sainz (STR10-04, Car 55)
Gara: Pos. 12°

“Non credo che avremmo potuto fare molto meglio oggi. Sapevamo che questa sarebbe stata una delle corse più dure tra quelle svolte finora e che sarebbe stato altrettanto difficile lottare per i punti. È stata comunque una gara discreta. Ho spinto al limite e, almeno, sono riuscito a fare alcuni sorpassi, ma dovendo gestire i consumi di carburante, tutto è stato più complicato. Dopo un weekend così difficile, non credo che la dodicesima posizione sia un cattivo risultato, ma spero di poter finire nuovamente nella top ten la prossima volta”.

Max Verstappen (STR10-02, Car 33)
Gara: 15°

“Ho fatto una buona partenza e ho tenuto un buon passo nei primi giri, raggiungendo i piloti davanti a me, nonostante avessi la gomma più dura, quindi posso essere soddisfatto del mio primo stint di gara. Ma, dopo il primo pit-stop, dove ho naturalmente perso tempo per scontare la penalità di 10 secondi, la mia gara è stata praticamente in solitaria. Ho raggiunto Ericsson, ma non riuscivo a superarlo in rettilineo, così ho deciso di accodarmi, per non distruggere le mie gomme e salvaguardare il motore”.

Franz Tost (Team Principal)

“Sapevamo che qui in Canada avremmo avuto qualche difficoltà, semplicemente perché ci manca velocità sui rettilinei. Tuttavia, devo dire che entrambi i piloti hanno fatto un buon lavoro. Carlos ha fatto una buona partenza ma, purtroppo, ha perso alcune posizioni ed è rimasto bloccato nel corso del primo giro. Successivamente è stato in grado di recuperare e battagliare. Anche Max ha fatto una buona gara perché, nonostante tutte le penalità, è comunque stato in grado di recuperare e di realizzare dei tempi sul giro molto competitivi. Ora che la gara di Montreal è finita, non vediamo l’ora di andare in Austria, dove ci aspettiamo di avere una performance decisamente migliore, anche grazie al layout del circuito che dovrebbe adattarsi di più alle caratteristiche della nostra vettura”.

Cedrik Staudohar (Renault Sport F1 track support leader)

“Una gara difficile, in parte condizionata dalle posizioni di partenza. Abbiamo dovuto gestire con attenzione le temperature, ma non ci sono stati problemi di affidabilità. Naturalmente, avremmo voluto aggiungere dei punti alla nostra classifica, ma non avevamo ritmo oggi. Speriamo che in Austria vada meglio”.