Anche senza la pioggia caduta nelle fasi finali della sessione pomeridiana, il nuovo asfalto sarebbe stato ugualmente molto scivoloso. Certamente, le precipitazioni arrivate la notte scorsa non hanno aiutato, ma la mancanza di grip è una costante su un circuito nuovo, poiché all’asfalto serve tempo per stabilizzarsi. Possiamo aspettarci che migliori giro dopo giro, nel corso del weekend, anche se la pioggia pare possa ripresentarsi durante alcune delle sessioni rimanenti.

Durante le libere abbiamo avuto anche un paio di interruzioni con bandiera rossa, visto che qualche pilota ha tentato di trovare i propri limiti su questo nuovo tracciato, che in alcuni punti presenta delle vie di fuga piuttosto piccole. Max Verstappen ha impressionato tutti, segnando il giro più veloce nelle fasi finale della prima sessione, proprio quando la pista si era asciugata abbastanza per montare le slick. Sfortunatamente, all’inizio delle prove del pomeriggio, Max è finito contro le barriere all’uscita della curva 16 e la sua sessione è finita lì.

La curva 1 è, in realtà, la più difficile e ha tradito diversi piloti, tra cui anche Carlos Sainz che ha fatto un’innocua escursione sull’erba durante le Libere 2: sessione che ha concluso al 13° posto, dopo aver ottenuto l’ottavo tempo nelle PL1. Il trio di piloti più veloci, alla fine della giornata, è composto da Nico Rosberg su Mercedes, seguito dal binomio della Infiniti Red Bull Racing, con Daniil Kvyat davanti a Daniel Ricciardo.