Dopo essersi fatta le ossa in questi anni con la Pro Series, la Formula 1 non si è fatta trovare impreparata durante il lockdown e ha immediatamente reagito organizzando la Virtual GP Series, che ha intrattenuto gli appassionati di gaming e motorsport sostituendo tutti i Gran Premi cancellati o rinviati. Lo si è fatto con rapidità ed efficacia, potendo contare su una struttura organizzativa già ben collaudata, che ha coinvolto molti piloti ufficiali e tante altre personalità del mondo dello sport, dello spettacolo e del web. Il risultato è che tra tutti gli eventi di Esports che si sono tenuti in questo periodo, la Formula 1 è stata la più seguita in assoluto.

Anche grazie alla collaborazione dei nostri amici di Red Bull Italia e Red Bull Racing Esports nella definizione delle line up, la Scuderia AlphaTauri è scesa virtualmente in pista, coinvolgendo sempre grandi nomi. Al volante dei nostri bolidi virtuali si sono messi alcuni dei più forti calciatori della Serie A come Ciro Immobile, Alessio Romagnoli e Gianluigi Donnarumma, oltre al cricketer inglese Stuart Broad. Al loro fianco anche youtuber e content creator come il canadese Matthew “Sadokist” Trivett e gli italiani Nunzio “NU89” Todisco e Andrea Pirillo. Abbiamo messo “in macchina” anche piloti professionisti, come il motociclista italiano Luca Salvadori, la giovane promessa neozelandese del Red Bull Junior Team, Liam Lawson e il nostro vecchio amico, e pilota ufficiale Toro Rosso, Vitantonio Liuzzi. Fino ad arrivare all’ultima line-up del Canada, che ha visto in pista il cantautore scozzese Simon Neil, frontman dei Biffy Clyro, al fianco del nostro Pierre Gasly.

Personaggi con esperienze e background diversi, ma tutti accomunati dalla grande passione per la Formula 1 e per il motorsport. Tutti si sono impegnati al 100%, allenandosi senza sosta ai loro simulatori e dando il massimo poi in gara, nel non facile compito di confrontarsi con i più veloci del mondo, reale e virtuale! Non c’è da sorprendersi se, dopo ogni Virtual GP, ognuno di loro ha raccontato di aver avuto un’enorme scarica di adrenalina e di aver amato l’esperienza: non capita certo tutti i giorni di poter condividere la pista – seppur virtuale – con alcuni dei migliori piloti al mondo.

È anche grazie ai nostri piloti virtuali che abbiamo potuto tenervi compagnia e strapparvi un sorriso, in un periodo così particolare come quello che stiamo abbiamo attraversato. Vogliamo ringraziarli dedicandogli la nostra Virtual GP “Wild Cards” Collection!