Ci siamo ritrovati tutti, ma proprio tutti: ai membri del team che lavorano a Faenza si sono aggiunti i nostri colleghi di Bicester, che ci hanno raggiunto qui in Romagna e che hanno avuto così la possibilità di visitare la nostra nuova factory, oltre che di conoscere di persona tanti che magari finora avevano visto solo in video-conferenza. Un’occasione per stare insieme guardando al futuro in un anno, il 2017, che ha segnato per noi una svolta con un cambio radicale della livrea della nostra monoposto, da cui il tema cromatico della festa: silver, blu e rosso! Ma anche un anno in cui le forme ricordano quelle del passato: auto aggressive e gomme imponenti, ma mosse dall’innovativa tecnologia del futuro: l’ibrido.

Ecco allora che da una parte c’è stata la tradizione: la tipica cucina romagnola per esempio, ma anche l’accoglienza tipica della nostra Red Bull Family, grazie alla collaborazione di Red Bull Italia. Dall’altra il futuro: un’intera area è stata dedicata ai simulatori di Formula 1. Uno di questi offriva un’esperienza di guida resa più realistica dall’utilizzo di una semiscocca montata su sospenzioni attive che simulavano la forza-G; l’altro invece regalava un’immersione totale in un ambiente virtuale, grazie a un dispositivo VR capace di catapultare all’interno di spazi sconfinati alla guida della nostra STR12.

A fare da testimoni di questo “continuum tempo-spazio” c’erano quelle che erano un po’ le due mascotte della serata: da una parte la DeLorean DMC-12, auto simbolo della trilogia di Zemeckis e della visione del futuro che c’era negli anni ’80; dall’altra la nostra monoposto in livrea 2017, che ha aperto un nuovo capitolo della storia della Scuderia Toro Rosso. In mezzo: musica da vivo, cocktail targati Red Bull, tanto silver e tanta originalità nei costumi di molti… ma soprattutto la consapevolezza di essere tutti parte di un team che amiamo e insieme al quale vogliamo proseguire un percorso di crescita costante. Perché, sempre come diceva Doc al termine dell’immortale trilogia di Ritorno al Futuro: “Il vostro futuro non è ancora stato scritto, quello di nessuno. Il vostro futuro è come ve lo creerete. Perciò createvelo buono!”.