Pierre Gasly:

“Sono ovviamente felice dopo l’annuncio di ieri, mi sento davvero a mio agio con la squadra, le cose stanno andando bene e penso che ci aspettino altre soddisfazioni. Non vedo l’ora di scendere in pista a Monza, perché sento che il morale è alto all’interno della squadra e la macchina sembra comportarsi bene in ogni tipo di pista, sul bagnato o sull’asciutto. Aver chiuso quinto, sesto e quarto nelle ultime tre gare ne è la prova. Quello di Zandvoort è stato un weekend incredibile, tutto è andato nella giusta direzione per l’intero fine settimana. Ammetto che domenica speravo potesse succedere qualcosa tra i tre piloti in testa, così da avere l’opportunità di assaggiare nuovamente lo champagne sul podio, dopo il mio terzo posto a Baku all’inizio della stagione… ma non è successo nulla.

Dopo essere arrivato quarto domenica, adesso le aspettative per Monza sono alte. Dopo il Gran Premio di Francia, questa per me è una seconda gara di casa, perché vivo ad appena 15 chilometri dalla pista. Questo weekend sarà speciale per me: tornerò sul circuito dove ho vinto lo scorso anno. Sono entusiasta perché, a differenza del 2020, dovrebbero esserci molti tifosi che sono parte integrante dell’atmosfera speciale di Monza, insieme alle alte velocità. Sarà davvero speciale, mi torneranno in mente alcuni di quei momenti indimenticabili. Speriamo di poter ottenere un altro grande risultato, ma dobbiamo considerare che affronteremo per la seconda volta il nuovo format Qualifying Sprint. Anche se dopo Silverstone abbiamo un’idea più precisa di cosa aspettarci, il gioco delle scie in qualifica e in gara porterà tutto in un’altra dimensione”

 

Yuki Tsunoda:

“Dopo le qualifiche compromesse dalle bandiere rosse, è stato un peccato doverci anche ritirare dal Gran Premio d’Olanda. Tuttavia, rimangono degli aspetti positivi su cui concentrarsi. Penso di aver adottato il giusto approccio per imparare la pista, prendendo gradualmente fiducia e spingendo sempre più forte. Il passo della macchina, c’era. Abbiamo tirato fuori il massimo dal pacchetto, quindi adesso non vedo l’ora di vedere come si comporterà a Monza, dove spero di poter fare un weekend pulito e poter chiudere con un buon risultato.

L’annuncio di ieri mi ha dato un’ulteriore spinta: credo che continuando a imparare così come fatto nelle ultime gare, allora potrò iniziare a ottenere risultati migliori, soprattutto sulle piste che conosco bene. Adesso mi concentro su questo fine settimana. Questa è un’importante gara di casa per il team e il weekend sarà un po’ più complicato perché proveremo per la seconda volta il format della Sprint Qualifying. Mi ricordo di aver visto le qualifiche di F1 dell’anno scorso, con tutti i piloti che rallentavano e cercavano di ottenere una scia. Mi aspetto delle qualifiche difficile e presterò molta attenzione al modo migliore di guidare. Questa pista mi piace e sono andato bene nelle qualifiche di F2 dello scorso anno, anche se poi ho avuto un problema al motore nella Sprint Race. Su questa pista ho vinto in F3: è un tracciato divertente e ci sono sempre un sacco di sorpassi nelle categorie junior. Sui social media ricevo tantissimi messaggi da parte dei tifosi italiani e quindi spero di trovare una gran bella atmosfera e guidare davanti a tanto pubblico”.

 

Line-up piloti per la stagione 2022
Line-up piloti per la stagione 2022
Alla luce di una stagione di successo come quella che […]
GRAN PREMIO D’ITALIA
GRAN PREMIO D’ITALIA
  Gran Premio di Monza: la nostra gara di casa! […]
Sprint Race: come funzionano?
Sprint Race: come funzionano?
In occasione del prossimo Gran Premio di Formula 1, in […]
Line-up piloti per la stagione 2022
Line-up piloti per la stagione 2022
Alla luce di una stagione di successo come quella che […]
GRAN PREMIO D’ITALIA
GRAN PREMIO D’ITALIA
  Gran Premio di Monza: la nostra gara di casa! […]
Sprint Race: come funzionano?
Sprint Race: come funzionano?
In occasione del prossimo Gran Premio di Formula 1, in […]