Con vetture all’apice dello sviluppo, al loro ultimo anno prima dell’imminente cambio regolamentare, ci aspettavamo una lotta ancor più serrata nel centro gruppo. E così è stato. Ma il nostro team è riuscito a portare in pista la monoposto Made in Faenza migliore di sempre: la AT02 è stata una vettura competitiva e costante, spinta da una power unit Honda potente e affidabile, la stessa che con Max Verstappen si è laureata campione con Red Bull Racing.

Ci siamo presentati in pista con una formazione di piloti rinnovata: da un lato abbiamo avuto l’esperienza, la costanza e la velocità di Pierre Gasly. Dall’altro lato del garage, il nuovo talento emergente giapponese: Yuki Tsunoda, primo nato nel 2000 a prendere parte al Mondiale di F1. Entrambi hanno dato il massimo: Pierre ha riassaporato lo champagne, dopo quello della vittoria di Monza 2020, grazie al terzo posto ottenuto al GP dell’Azerbaijan di quest’anno. Yuki ha inaugurato al meglio la sua stagione, conquistando punti alla gara del debutto e conquistando il suo miglior piazzamento – un quarto posto – proprio nel gran finale di Abu Dhabi, domenica scorsa.

In un ambiente come il nostro, in cui i numeri sono alla base del successo, abbiamo voluto raccogliere qui alcune delle statistiche più interessanti, che orgogliosamente vogliamo condividere con voi per celebrare un altro anno da record!

 

142 punti: mai così tanti!

Nel 2008 i punti venivano assegnati solo ai primi 8 al traguardo, mentre dal 2010 in poi a raccogliere punti sono i primi 10. Se calcolassimo i piazzamenti in top 10 del 2008 secondo l’odierno sistema di assegnazione punti, all’epoca ne avremmo conquistati 107 (esattamente come nel 2020). Quest’anno ne abbiamo raccolti invece ben 142: è quindi questo il maggior numero di punti conquistati dal nostro team in tutta la sua storia, dal 2006 a oggi.

Sesti nel Mondiale Costruttori

Abbiamo conquistato il sesto posto nel Mondiale Costruttori, eguagliando sia il miglior piazzamento in classifica del nell’era turbo-ibrida (nel 2019), sia quello dell’eccezionale stagione 2008, che ci ha visti conquistare pole e vittoria al GP d’Italia di quell’anno con Sebastian Vettel.

22 arrivi a punti

Considerando sempre il 2008 come punto di riferimento: all’epoca, con le due monoposto, abbiamo chiuso in Top 10 in 13 occasioni sulle 36 a disposizione (il calendario di quell’anno contava 18 gare). Quindi, la percentuale di arrivi in top 10 era pari al 36,11%. Nel 2019, altra stagione da sesto posto in classifica, abbiamo conquistato 20 piazzamenti in Top 10 sui 42 disponibili, con la percentuale salita al 47,61%. Quest’anno abbiamo alzato ulteriormente l’asticella, perché siamo andati a punti in 22 occasioni su 44 disponibili, portando questa percentuale al 50%!

19 gare in top ten

Nel 2021 abbiamo segnato punti in 19 gare su 22, quindi nell’86% dei casi, un dato superiore sia al 2019 (71%) che allo stesso 2008 (61%).

Yuki, il primo giapponese a punti all’esordio

Con i primi punti ottenuti nella gara inaugurale in Bahrain, Yuki Tsunoda è diventato l’unico pilota giapponese nella storia della F1 a conquistare punti nella gara d’esordio. È così entrato in un club esclusivo che conta solo altri 64 piloti, tra cui troviamo anche altri atleti che hanno iniziato con la nostra squadra la loro carriera in Formula 1: Sébastien Bourdais (2008), Daniil Kvyat (2014) e Carlos Sainz (2015).

Prima fila nell’era AlphaTauri

Per la prima volta nell’era AlphaTauri abbiamo conquistato una prima fila nello schieramento di partenza: è successo al GP del Qatar, una pietra miliare anche nella carriera del nostro Pierre Gasly.

Giro veloce nell’era AlphaTauri

Abbiamo ottenuto il nostro primo giro veloce in gara dell’era AlphaTauri, con Pierre Gasly nel GP d’Ungheria di quest’anno. È il secondo in assoluto nella nostra storia: l’altro porta la firma di Daniil Kvyat al GP di Spagna del 2016.

I numeri con Honda

In queste prime due stagioni dell’era AlphaTauri, abbiamo corso insieme al nostro partner motorista Honda 39 Gran Premi, conquistando un totale di 249 punti, una vittoria, due piazzamenti a podio e un giro veloce.

 

Ma non c’è tempo per riposare sugli allori: in factory a Faenza e in galleria del vento a Bicester (UK) fervono infatti i preparativi per il 2022: la nuova stagione, con vetture completamente nuove, si preannuncia ancora più lunga e intensa di questa che ci siamo appena lasciati alle spalle: sarà un’altra grande sfida e noi non vediamo l’ora di affrontarla!