Dopo essersi schierati rispettivamente in settima e dodicesima posizione in griglia, Max è riuscito a risalire fino al sesto posto nel corso del primo giro, superando Bottas, mentre Carlos ha guadagnato tre posizioni, grazie ad uno scatto fulmineo che lo ha portato fino al nono posto.

Le posizioni sono rimaste invariate per un paio di giri alle spalle della Safety Car, chiamata in causa dopo lo spaventoso, ma per fortuna senza conseguenze, incidente che ha coinvolto Alonso e Raikkonen. Poi, al 15° giro, Verstappen non è più riuscito a tenere a bada la Williams di Bottas ed è così sceso in settima posizione, mantenuta poi fino alla sua sosta ai box al giro 26. Data l’odierna temperatura fresca, una sola sosta ai box è stata l’unica scelta strategica logica. Carlos aveva effettuato lo stop un giro prima rispetto a Max ma, purtroppo, è lì che la sua sfortuna è iniziata, perdendo tempo prezioso e, solo pochi giri dopo, dovendosi ritirare a causa di un problema tecnico.

Quanto a Max, non è possibile vedere i volti dei piloti all’interno dei loro caschi integragli, ma solo osservando il modo in cui guidava la sua STR10 era intuibile che fosse proprio in palla. Il settimo posto era possibile sulla carta, ma un piccolo rallentamento in pista ha fatto svanire questa speranza. Alla fine, in una delle più emozionanti battaglie delle fasi finali, Maldonado è riuscito a passarlo con la sua Lotus, al penultimo giro. Ma è comunque stata una buona giornata per Max, che ha dimostrato come il nostro pacchetto di aggiornamenti abbia migliorato le prestazioni; l’olandese è felice di tornare ancora a segnare dei punti, dopo il Gran Premio di Malesia.

Nessuno oggi avrebbe potuto sfidare le Mercedes e, una volta che Nico Rosberg è riuscito a scattare meglio di chiuque altro, per poi essere spinto dalla presenza del suo compagno di squadra Lewis Hamilton, è arrivata la vittoria per il tedesco, la sua seconda qui in Austria. Terza posizione per la Williams di Felipe Massa, che ha strappato il podio alla Ferrari di Vettel, che è rimasto attardato nei confronti del brasiliano a causa di un pit-stop lento.

Il nostro imballaggio post-gara sarà meno frenetico del solito stasera, considerando che rimarremo al Red Bull Ring per due giorni di test, martedì e mercoledì. Le previsioni meteo ci dicono che nel primo giorno potrebbero essere necessarie soprattutto le gomme da bagnato. Successivamente ci sposteremo a Silverstone per il nono round del campionato, il Gran Premio di Gran Bretagna, tra quindici giorni.