Lo stile di guida di entrambi gli alfieri della Scuderia Toro Rosso è stato impressionante per tutto il weekend e ha consentito loro di staccarsi quell’etichetta di rookie che si portano dietro. Si sono ripetuti anche in qualifica: nella prima parte della sessione, Max Verstappen e Carlos Sainz hanno chiuso rispettivamente in terza e quinta posizione, accedendo comodamente alla Q2. In questa seconda parte delle prove hanno ottenuto il sesto e ottavo tempo, consentendo così alla squadra di portare, ancora una volta, entrambe le monoposto tra i primi dieci. Nelle fasi finali, il nostro pilota spagnolo ha avuto la meglio sul compagno di squadra olandese, registrando l’ottavo tempo, mentre Max ha chiuso staccando il decimo crono in classifica. Ovviamente, la penalità inflitta a Sainz fa avanzare Verstappen in nona posizione: cosa che gli consente di partire dal lato pulito della griglia. Ma, considerando le circostanze, questo difficilmente potrà essere considerato un risvolto positivo per Carlos.

I sorpassi su questa pista sono estremamente difficili e Carlos non avrà certo vita facile, nonostante la STR10 sia palesemente competitiva tra le stradine del Principato. Per tornare in zona punti, bisognerà mordere l’asfalto e sperare anche in un pizzico di fortuna. Possiamo aspettarci qualcosa di più da Max, che prenderà il via con le gomme SuperSoft utilizzate in Q2. Per tutti, la strategia più gettonata sarà quella ad una sosta. L’unica decisione cruciale sarà decidere quando cambiare le gomme.

Strano ma vero, considerando che parliamo di un due volte campione del mondo, Lewis Hamilton non era mai partito dalla pole qui a Monaco. Oggi è riuscito a conquistarla, con il solo Nico Rosberg, sull’altra Mercedes, a sembrare una potenziale minaccia. Ma quell’errore del tedesco durante il giro veloce ha costretto il vincitore del GP di Monaco dello scorso anno ad accontentarsi del secondo posto. Sebastian Vettel ha assicurato alla Ferrari un altro terzo posto e domani partirà dalla seconda fila, con a fianco la Red Bull di Daniel Ricciardo. Il compagno di squadra dell’australiano, Daniil Kvyat, è quinto e condivide la terza fila con l’altra Ferrari, quella di Kimi Raikkonen. Max, invece, scatterà dalla quinta fila e avrà accanto la McLaren di Jenson Button.