Pierre Gasly (AT01-04, Car 10)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:30.049, 5° pos., 34 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:29.551, 6° pos., 36 giri

Prove libere GP Bahrain 2020 con Pierre Gasly della Scuderia AlphaTauri

“È bello tornare a girare in condizioni più normali rispetto a quelle di Istanbul di due settimane fa. Il nostro è stato un venerdì positivo, probabilmente uno dei migliori di questa stagione e la macchina si è ben comportata sin dalle prime libere. Per quanto riguarda il passo sembriamo essere competitivi, ma ci sono ancora delle cose che possiamo migliorare nel bilanciamento della macchina, così da sfruttare ancora di più il nostro pacchetto. L’inizio sembra promettente, proveremo a limare altri decimi per le qualifiche di domani”.

 

Daniil Kvyat (AT01-05, Car 26)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:31.020, 17° pos., 37 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:29.900, 9° pos., 34 giri

Prove libere Gran Premio Bahrain 2020 con Daniil Kvyat della Scuderia AlphaTauri

“È stata una giornata interessante: nelle Libere 1 non ero molto soddisfatto del bilanciamento della vettura, ma abbiamo fatto un passo avanti nella seconda sessione. Abbiamo capito la direzione da prendere ed è un risultato certamente positivo. Abbiamo raccolto tanti buoni dati da analizzare in vista di domani, quindi speriamo di poter migliorare ulteriormente. Peccato per la bandiera rossa esposta durante il mio run con la mescola soft, comunque oggi il mio ritmo era buono. Questa è una pista dove si registra un alto degrado delle gomme, quindi dovremo capire come gestirle meglio degli altri”.

Prove libere GP Bahrain 2020 con Daniil Kvyat della Scuderia AlphaTauri

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer):

“Pur avvicinandoci alla fine della stagione, oggi abbiamo portato alcune novità aerodinamiche da testare. Inoltre, a ogni squadra sono stati assegnati due set aggiuntivi di pneumatici 2021 da valutare per la Pirelli. Entrambe le prove libere sono state piuttosto impegnative, poiché l’obiettivo era quello di tenere le vetture in pista per quasi tutto il tempo a disposizione. Durante la prima sessione ci siamo concentrati più sulla comprensione delle gomme 2021 sulla lunga distanza e nella valutazione di alcune nuove componenti aerodinamiche, quindi non abbiamo fatto molto lavoro di messa a punto in questa parte delle prove.

Avevamo molto degrado al posteriore e abbiamo rivisto i dati per affrontare la questione durante la seconda sessione. Le Libere 2 sono iniziate con una comparazione con giri veloci tra le gomme 2020 e le 2021, poi abbiamo proseguito con il nostro normale programma. Le modifiche effettuate ci hanno consentito di migliorare la vettura e le prestazioni sembrano buone, in linea con le nostre aspettative. Con il degrado che abbiamo, ci aspettiamo una gara difficile, quindi l’obiettivo di stasera sarà proprio capire come fare a ridurlo”.