Pierre Gasly (AT02-05, Car 10)
Prima Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:34.699, 8° pos., 20 giri
Seconda Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:33.696, 7° pos., 25 giri

“Oggi è andata bene, anche se è stata una giornata piuttosto difficile a causa del vento che ha reso la macchina molto complicata da guidare. Parlando di prestazioni, penso sia positivo chiudere entrambe le sessioni tra i primi dieci, ma è stato certamente più difficile degli ultimi due weekend. Oggi abbiamo lavorato sul bilanciamento della vettura, quindi stasera analizzeremo i dati e poi apporteremo delle migliorie all’assetto così da avere più fiducia in pista domani. Corro davanti al mio pubblico e punto a entrare nuovamente in Q3 in qualifica. Vedere così tante bandiere francesi sulle tribune è fantastico, voglio davvero fare bene per tutti quelli che sono venuti a sostenermi questo weekend e dare loro modo di festeggiare domenica”.

 

Yuki Tsunoda (AT02-06, Car 22)
Prima Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:34.847, 10° pos., 22 giri
Seconda Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:33.955, 13° pos., 25 giri

“È stata una buona giornata. Rispetto alle ultime gare, l’approccio qui in Francia è un po’ più semplice perché ho già corso in passato al Paul Ricard. Ho fatto un testacoda nella prima sessione, ma penso che abbiamo fatto buoni progressi tra le due sessioni di oggi. Ho faticato un po’ con l’assetto nelle Libere 2, ma ci siamo adattati molto bene e alla fine della giornata ero soddisfatto del comportamento della vettura. La mia fiducia nella vettura sta tornando e il mio risultato a Baku ha certamente contribuito. Abbiamo ancora molto lavoro da fare prima delle qualifiche e i distacchi sono serrati: la lotta sarà dura, ma il ritmo c’è”.

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer)

“Siamo arrivati in Francia dopo l’ottimo risultato ottenuto a Baku, ma siamo realisti circa i nostri obiettivi per questo weekend, sapendo che correremo su un circuito più convenzionale. Una delle attività principali di oggi è stata assettare la vettura attorno alle pressioni delle gomme più elevate, oltre a gestire le performance su una pista molto calda. Durante le Libere 1 abbiamo lavorato sulla messa a punto di alcuni elementi che avevamo notato a Baku, così da comprendere ulteriormente alcune caratteristiche della AT02 e come sfruttarle sulle piste più standard. Quindi, è stata una sessione molto impegnativa per entrambe le vetture e sfortunatamente abbiamo anche riportato dei danni al fondo della vettura di Pierre, dopo che è finito largo in curva 2. A causa di questo inconveniente ha perso un po’ di tempo, ma siamo comunque riusciti a raccogliere molti dati da analizzare per la seconda sessione. Li abbiamo usati per migliorare ulteriormente l’assetto di entrambe le vetture e fare un ulteriore passo avanti verso la giusta direzione. Non abbiamo potuto fare giri pulitissimi, sempre a causa del traffico, ma mettendo tutto insieme la prestazione sembra incoraggiante e in linea con le aspettative, soprattutto considerando che entrambi i piloti sostengono ci sia ancora margine di miglioramento sul bilanciamento. Abbiamo molti dati da esaminare stasera, ma cercheremo di mettere tutto insieme e di puntare alla Q3 domani”