Pierre Gasly (AT02-05, Car 10)
Prima Sessione di Prove Libere: 1:28.449 11° pos, 28 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:27.600, (Q2) 1:27.273, 12° pos.  

“Abbiamo faticato più del solito con il bilanciamento della vettura fin dalla prima sessione di prove libere. Abbiamo apportato delle modifiche in vista delle qualifiche, ma non è bastato. Ero soddisfatto del mio giro in Q2 ma mi sono reso subito conto che non mi sarebbe bastato per passare oltre, perché i distacchi oggi erano serrati. Penso sarà dura nei prossimi giorni, perché non possiamo più apportare modifiche alla macchina. Abbiamo a disposizione solo la seconda sessione di libere per comprendere meglio il comportamento delle gomme in vista della Sprint Qualifying e della gara di domenica. Lotteremo come sempre: questo è un format diverso e possono succedere tante cose, non si sa mai”.

 

Yuki Tsunoda (AT02-06, Car 22)
Prima Sessione di Prove Libere: 1:28.600 12° pos., 29 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:28.043, 16° pos.  

“Dopo le prime libere ho iniziato ad abituarmi al circuito, ma ho avuto tanto traffico e non sono mai riuscito a mettere insieme un giro perfetto. Fare le qualifiche dopo una sola sessione di prove sarebbe stato comunque difficile. È un peccato essere uscito già in Q1 oggi, ma la lotta è stata dura e ho nuovamente faticato con il traffico durante il mio giro veloce. Partire dalla P16 domani sarà complicato, ma darò tutto quello che ho durante la Sprint Qualifying e vedremo cosa potrò fare”.

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer)

“Per noi è stata una giornata difficile, qui a Silverstone. Non siamo riusciti a mostrare le performance che ci aspettavamo o che avevamo dimostrato di avere nelle scorse gare. Con il nuovo format, durante le prime prove ci siamo concentrati sulla normale preparazione delle qualifiche. La performance sulle gomme medie era allineata alle nostre aspettative, ma quando abbiamo montato la morbida abbiamo faticato più di quanto ci potessimo aspettare. Dopo aver analizzato i dati, abbiamo apportato delle modifiche in vista delle qualifiche: senza le consuete sessioni prima di entrare in regime di parco chiuso, però, non siamo stati in grado di mettere a punto la vettura come avremmo fatto normalmente. Le modifiche ci hanno fatto fare un passo in avanti, ma non sono state sufficienti per entrare in Q3. Mentre si lanciava, nel tentativo di passare alla Q2, Yuki ha trovato traffico all’ultima curva e ha perso quasi due decimi: ha fatto un buon giro e ha recuperato parte di quel tempo, ma purtroppo non è bastato. I giri di Pierre sono stati puliti, ma oggi non abbiamo avuto il ritmo e quindi dobbiamo lavorare per capire il motivo: al momento non ci è chiaro perché fatichiamo. Adesso abbiamo a disposizione un’altra sessione di libere dove ci concentreremo sulle performance nei long run e sul comportamento delle gomme, quindi sono fiducioso che potremo tirare fuori qualcosa in più dalla vettura sia nella Sprint Qualifying che in gara”.

RISULTATI DELLA SESSIONE - CLASSIFICA COMPLETA

POSDRIVERTEAMTIME
1Lewis HamiltonMercedes1:26.134
2Max VerstappenRed Bull Racing Honda1:26.209
3Valtteri BottasMercedes1:26.328
4Charles LeclercFerrari1:26.828
5Sergio PerezRed Bull Racing Honda1:26.844
6Lando NorrisMcLaren Mercedes1:26.897
7Daniel RicciardoMcLaren Mercedes1:26.899
8George RussellWilliams Mercedes1:26.971
9Carlos SainzFerrari1:27.007
10Sebastian VettelAston Martin Mercedes1:27.179
Q2
11Fernando AlonsoAlpine Renault1:27.245
12Pierre GaslyAlphaTauri Honda1:27.273
13Esteban OconAlpine Renault1:27.340
14Antonio GiovinazziAlfa Romeo Racing Ferrari1:27.617
15Lance StrollAston Martin Mercedes1:27.665
Q3
16Yuki TsunodaAlphaTauri Honda1:28.043
17Kimi RäikkönenAlfa Romeo Racing Ferrari1:28.062
18Nicholas LatifiWilliams Mercedes1:28.254
19Mick SchumacherHaas Ferrari1:28.738
20Nikita MazepinHaas Ferrari1:29.051