Circuito: Circuit de Catalunya, Barcelona, 4.655 kms
Pilota: Carlos Sainz
Monoposto: STR10 – 02
Giri: 88
Miglior Tempo: 1:25.604

Totale giri completati (4 giorni): 412
Totale chilometri percorsi (4 giorni): 1917.86 km

Carlos Sainz

Totale giri completati (2 giorni): 188
Totale chilometri percorsi (2 giorni): 875.14 km
Max Verstappen
Totale giri completati (2 giorni): 224
Totale chilometri percorsi (2 giorni): 1042.72 km

Totale chilometri completati nei test 2015 (T01+T02): 3479.179
(T01: 1561.319 km + T02: 1917.86 km/Carlos: 1684.549 km – Max: 1794.63 km)

Franz Tost (Team Principal)

“Purtroppo oggi abbiamo dovuto chiudere in anticipo i nostri test e stiamo ancora analizzando i dati per capire quale sia stata la vera causa del problema, quindi è un po’ troppo presto per trarre delle conclusioni. Tuttavia, è bene sottolineare che c’erano delle forti raffiche di vento che hanno causato parecchi problemi anche ad alcuni dei nostri avversari, finiti fuori pista per questo motivo.
Tutto sommato, questi quattro giorni di test a Barcelona sono stati positivi. Siamo stati in grado di progredire, sfruttando tutto ciò che avevamo imparato durante la prima sessione di test a Jerez, due settimana fa. Questo ci ha aiutati, nel complesso, a migliorare le nostre performance. Sono soddisfatto della vettura, che è stata in grado di completare un buon chilometraggio senza accusare grandi problemi di affidabilità. In totale abbiamo coperto 3479 chilometri in 8 giorni di test, dando sia a Max che a Carlos la possiobilità di adattarsi alla nuova monoposto e alle diverse procedure da seguire in pista, simulando anche un weekend di gara. Entrambi i piloti hanno dimostrato a loro volta di essere dei buoni studenti: veloci, costanti e maturi. Max ha coperto una distanza totale di 1794 chilometri e Carlos 1684. Fare molti chilometri era il nostro principale obiettivo”.

“Tuttavia, allo stato attuale, resta davvero complicato valutare la nostra prestazione o quella dei nostri avversari, considerando che le temperature della pista sono state troppo basse. In gara ci aspettiamo valori decisamente più alti e anche la gestione degli pneumatici sarà completamente diversa. Personalmente, non mi piacciono i test di febbraio in Europa, in quanto non restituiscono l’adeguato feedback in merito a quegli elementi tecnici su cui è necessario essere ben preparati in vista dell’inizio della stagione. I test dello scorso anno in Bahrain sono stati molto più utili”.

“Adesso guardiamo con interesse ai prossimi test, che si terranno sempre qui, a Barcelona, la prossima settimana, durante i quali introdurremo un nuovo pacchetto aerodinamico sulla vettura. Sono felice nel vedere come l’intera squadra stia lavorando duramente in questo inizio di stagione. Dobbiamo continuare in questa direzione, analizzando tutti i dati importanti che abbiamo raccolto durante la settimana e tornare in pista più forti per affrontare l’ultima sessione di test”.

Carlos Sainz (Monoposto n. 55)

“È stata davvero una buona giornata, finché non sono andato a sbattere. Tutto stava andando bene e sentivo che sulla macchina era stato fatto un grande passo in avanti rispetto all’ultima volta che avevo avuto modo di guidarla. Questa mattina, il forte vento ha reso la vettura davvero complessa da guidare, ma anche in quelle condizioni le cose erano andate bene. Purtroppo, nel pomeriggio ho fatto un errore alla curva 3, di certo non un bel posto dove sbagliare, considerando che le barriere sono a ridosso dell’asfalto in quel punto. Ma preferisco che sia successo oggi, durante i test, piuttosto che durante la prima gara. Sento di aver imparato qualcosa anche da questo. Ora si volta pagina, andiamo avanti e pensiamo alla prossima sessione di test. Queste ultime prove portano con sé tanti aspetti positivi. Personalmente, qui a Barcelona mi sono sentito un pilota molto diverso, più sicuro”.