Circuit de Barcelona – Catalunya

Pilota: Pierre Gasly (am) – Vettura: AT01-02
Miglior tempo: 1:17.540 – Giri: 25

Pilota: Daniil Kvyat (pm) – Vettura: AT01-02
Miglior tempo: 1:17.456 – Giri: 61

Giorno 1 dei test 2 con Pierre Gasly della F1 a Barcellona 2020 con la Scuderia AlphaTauri

Pierre Gasly (Car #10):


“Stamattina abbiamo avuto un piccolo problema che ha compromesso la nostra sessione. Non è stato l’ideale, avevamo programmato molti più giri e abbiamo perso l’occasione di allungare il nostro chilometraggio, ma sono cose che capitano e abbiamo cercato di recuperare quanto più possibile nel corso dell’ultima ora. È stato un finale piuttosto intenso, nel quale abbiamo provato diverse direzioni con l’assetto della macchina in quel poco tempo che ci rimaneva. Ci sono state un paio di cose interessanti su cui Daniil ha continuato a lavorare questo pomeriggio. Cercheremo di massimizzare ogni opportunità per conoscere meglio la macchina: penso che ci sia ancora margine, ma tutti abbiamo lo stesso tempo a disposizione e quindi dobbiamo essere quanto più efficiente possibile”.

Giorno 1 dei test 2 con Daniil Kvyat della F1 a Barcellona 2020 con la Scuderia AlphaTauri

Daniil Kvyat (Car #26):


“Penso sia stata una mezza giornata produttiva per me. Quando sei al volante di una nuova macchina è sempre interessante, perché si è in grado di capirne un po’ di più ogni volta che la si guida. Abbiamo continuato a lavorare su alcuni aspetti dell’assetto che durante un weekend di gara non si andrebbero a modificare, per ovvie ragioni di tempo. Non abbiamo ancora cercato la prestazione pura, stiamo perfezionando il bilanciamento e osservando il comportamento della macchina su alcune curve in seguito ai cambiamenti. Possiamo essere soddisfatti per la mole di dati raccolta. Oggi dovevamo spuntare quante più righe possibili dal nostro programma, soprattutto quest’anno con le giornate di test limitate e con una sola giornata che mi resta da passare in macchina”.

 

 

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer):


“Durante la piccola pausa tra lo scorso questo e questo, la squadra ha lavorato duramente per analizzare i dati raccolti e utilizzarli nell’elaborare il programma di sviluppo di questa settimana. Abbiamo scelto di dividere in due la giornata, con Pierre in pista al mattino e Daniil nel pomeriggio. Ma l’inizio della giornata non è stato quello in cui speravamo: durante il primo run abbiamo riscontrato un’anomalia nei dati e durante l’ispezione abbiamo verificato che si era staccato un condotto, la cui riparazione ci è costata un paio d’ore. Per questo motivo, abbiamo dovuto comprimere il programma di Pierre, facendogli fare una serie di run più corti su gomme C3 e C4. A causa del problema di questa mattina, abbiamo spostato il consueto run iniziale con il rastrello aerodinamico nel programma di Daniil, subito dopo pranzo, così da raccogliere preziosi dati aerodinamici.  Il pomeriggio è filato liscio e Daniil è riuscito a lavorare su diverse regolazioni dell’assetto, sia sulle brevi che sulle lunghe distanze, prima di chiudere la giornata con dei giri veloci sulla gomma C3. Abbiamo molti dati da studiare stanotte per preparare gli ultimi due giorni e cercare di comprendere al meglio la AT01, prima di partire per Melbourne”.

 

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):


“Dopo il lavoro svolto la scorsa settimana qui a Barcellona, abbiamo analizzato tutti i dati raccolti con entrambi i team e cominciato questa seconda sessione mettendo in pratica quanto avevamo imparato in precedenza. Durante questi tre giorni, proseguiremo con i controlli sulle funzionalità, oltre a lavorare sull’ottimizzazione dei settaggi. Adesso siamo in una fase di messa a punto, in preparazione della gara inaugurale di Melbourne. Entrambe le nostre macchine hanno dovuto trascorrere un po’ di tempo in garage stamattina e nel pomeriggio ci siamo concentrati nel recuperare il tempo perso. Nonostante ciò, tutto sembra procedere senza intoppi sul fronte PU”.