La squadra mantiene la proprià identità: un team di Formula 1 italiano, con sede a Faenza, nel cuore della Motor Valley romagnola, composto da oltre 500 professionisti di 28 nazionalità diverse, con lo scopo di lanciare i giovani piloti di casa Red Bull e di competere da protagonista nella più prestigiosa competizione automobilistica al mondo. Ma dal 14 febbraio 2020 cambia nome, cambia pelle. Inizia una nuova era, quella della Scuderia AlphaTauri. Inizia insieme al brand di moda di casa Red Bull nato nel 2016, che decide così di sposare il lifestyle e l’innovazione propri del mondo della Formula 1.

Nel 2004, Red Bull comprò il Jaguar F1 Team, con sede a Milton Keynes (UK), e lo ribattezzò Red Bull Racing. Ma due sedili in F1 erano pochi per il ricco vivaio di casa e così nel 2005, Red Bull acquistò anche il Minardi F1 Team di Faenza (forte di 21 stagioni d’esperienza), ribattezzandolo Scuderia Toro Rosso. L’intento è chiaro sin da subito: avere un secondo team per lanciare i propri giovani piloti. 14 stagioni, 268 Gran Premi, 500 punti mondiali, 3 podi e 1 vittoria più tardi, si può dire che la missione è compiuta al 100%.

 

  • Brasile 2019: quello con Max Verstappen 1° (RBR), Pierre Gasly 2° (STR) e Carlos Sainz 3° (McLaren) è il podio più giovane della storia della F1 ed è tutto costituito da piloti o ex piloti Toro Rosso
  • Australia 2015: a 17 anni, 5 mesi e 13 giorni, Max Verstappen è il pilota di F1 più giovane della storia a iniziare un GP. Lo fa a bordo della nostra monoposto del decennio, la STR10
  • Italia 2008: a 21 anni, 2 mesi e 11 giorni, Sebastian Vettel, sulla nostra STR3, è il più giovane della storia a conquistare una pole position. L’indomani diventa anche il più giovane ad aver vinto un GP in F1, record battuto soltanto da Verstappen al GP di Spagna 2016, su Red Bull Racing

E questo solo per citare i record più significativi e alcuni dei ricordi più entusiasmanti della storia di Toro Rosso! Se questa fosse una Serie TV, i due podi del 2019 sarebbero un fantastico finale di stagione, con Pierre Gasly secondo a Interlagos e Daniil Kvyat terzo a Hockenheim. Ma adesso siamo pronti per il sequel di questa bellissima Serie TV. Cambierà lo stile, ma spirito e protagonisti rimarranno gli stessi. Qui siamo dei racer e lo rimaniamo. Qui lottiamo ogni giorno, qui diamo il massimo per battere i nostri avversari. Siamo dei competitivi e lo rimaniamo. E i competitivi amano osare, amano rischiare dove altri non lo fanno.

La Scuderia Toro Rosso nasce da un team molto piccolo e negli anni diventa un solido punto di riferimento a ridosso dei top team, e lo fa coltivando alcuni fra i più grandi talenti dell’ultimo decennio. Il cambio del nome è un’altra pietra miliare nella strategia di lancio globale del fashion brand premium di Red Bull, che fonde moda e funzionalità e abbraccia adesso l’innovativo mondo della Formula 1.

AlphaTauri è un brand d’abbigliamento che mette insieme lo stile e il design dei grandi marchi di moda con la qualità di materiali tecnici, studiati per il loro confort, la loro resistenza e la loro vestibilità. Con lo stesso coraggio e con la stessa visionaria passione, salutiamo il nome che ci ha accompagnato negli ultimi 15 anni, consegniamo la Scuderia Toro Rosso agli annali della Formula 1 e, con passione e competenze immutate, iniziamo l’era della Scuderia AlphaTauri.

AlphaTauri sfida lo status quo: proprio come una monoposto di F1, avanguardia della tecnologia automobilistica e scultura aerodinamica allo stesso tempo. In fondo anche il nostro team si occupa di bellezza: la bellezza futuristica della velocità!