Carlos:

“Mi piace correre all’Hungaroring. È un circuito che conosco abbastanza bene perché ci ho corso in diverse occasioni nelle categorie giovanili, cogliendo anche qualche podio. È certamente una delle storiche piste europee dove tutti amano andare! Penso che la nostra vettura possa adattarsi bene alle caratteristiche di questo circuito, quindi non vedo l’ora che arrivi il fine settimana. Le alte temperature, sia dell’aria che del tracciato, rappresentano anche una grande sfida dal punto di vista fisico, per cui mi sono allenato duramente in condizioni di caldo. Guidare all’Hungaroring è davvero divertente: la sua natura stretta e tortuosa non ti dà proprio tempo per rilassarti durante il giro, perché non ci sono veri e propri rettilinei. Ho passato un po’ di tempo libero in giro nel centro di Budapest e posso dire che è davvero una bella città, in particolare le zone vicino al fiume Danubio. È davvero speciale!”.

Max:

“Ho già corso sul tortuoso tracciato dell’Hungaroring in Formula 3. Non vedo l’ora di affrontarlo su una vettura di F1; penso che sia un circuito adatto alla nostra vettura e sono ottimista, possiamo lottare per un buon risultato. Questo potrebbe essere una delle nostre migliori gare della stagione. La qualifica sarà un fattore chiave del fine settimana, perché in Ungheria è sempre molto difficile superare durante la gara. Ma, come sempre, farò del mio meglio e tenterò di sorpassare ogni volta che si presenterà l’occasione. Ho visto un po’ la città: è uno dei luoghi più belli tra quelli che visitiamo. Dopo questa gara, avremo la pausa estiva: ma io guardo già avanti: preferirei avere altre tre gare, piuttosto che tre settimane di riposo!”.