Carlos, come giudichi il tuo primo anno in Formula 1?

Chiudo questa mia prima stagione con un feeling positivo. Penso che abbiamo avuto un buon primo anno e, anche se abbiamo avuto alcuni alti e bassi, nel complesso credo che siamo riusciti a fare una buona impressione e, allo stesso tempo, ad imparare molto. Posso dire di essere contento! La prima esperienza in F1 non è mai facile, perché devi confrontarti con te stesso, ma direi che ho fatto un buon lavoro nel 2015 e questo mi dà motivo di essere soddisfatto.

Come pilota, dove pensi di essere migliorato di più?
Credo di essere maturato tanto nel corso dell’anno e di aver imparato a restare tranquillo anche quando le cose non andavano alla perfezione. Devo dire che mi sento davvero migliorato sotto questo aspetto: puoi anche avere una giornata difficile, ma con la giusta maturità puoi rimettere le cose a posto e, alla fine, avere ugualmente un buon fine settimana. Questo è il motivo per cui, quando mi si chiede “sei un pilota migliore rispetto all’inizio dell’anno?”, rispondo di sì. Perché, per esempio, se in Australia non avessi avuto un buon venerdì, non sarei riuscito ad entrare nel Q3, cosa che è invece successa nel finale di stagione ad Abu Dhabi, quando abbiamo avuto un inizio di weekend complicato. Superare i momenti difficili è sempre dura, ma si impara tanto.

Ti sei divertito?
Sì, certamente. Tra me e Max c’è stato molto equilibrio, siamo stati sempre vicini, nell’ordine di un decimo sopra o uno sotto in prova, in circuiti completamente nuovi per entrambi… Ci siamo spinti a vicenda per l’intero anno ed è stata una lotta leale che ci ha reso dei piloti migliori. Non credo ci siano molti compagni di squadra così vicini come lo siamo io e lui.

Sei pronto per una nuova sfida?
Sto già guardando al prossimo anno. Penso che la pausa invernale farà bene sia a me che alla squadra. In genere, torno sempre più forte dopo l’inverno e non vedo l’ora di vedere cosa porterà il nuovo anno. Sono convinto che sarà per noi un ulteriore passo nella giusta direzione: penso che avremo una vettura ancora più competitiva e che io continuerò a crescere come pilota di Formula 1.

Goditi il tuo meritato riposo… a presto!